Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariSpettacoloManifestazioni › Cala il sipario su Is Pariglias
Red 30 luglio 2017
Si chiude domani a Pula la 41esima edizione del festival folk “Is Pariglias–Ethnodanza in Tour”. Sul palco, i gruppi provenienti da Cina e Cile. Appuntamento a partire dalle ore 21, in Piazza del Popolo. Protagonisti, il gruppo cileno Cinut e quello cinese del dell’Università di Tecnologia di Hebei. Organizza l’associazione culturale Città di Assemini
Cala il sipario su Is Pariglias


PULA - Con l’esibizione dei gruppo cinese dell'Università di Tecnologia di Hebei e della formazione cilena Cinut (fedele interprete delle tradizioni dell’Isola di Pasqua), si chiude domani, lunedì 31 luglio, a Pula, la 41esima edizione del festival di danze identitarie “Is Pariglias–Ethnodanza in Tour”. Appuntamento a partire dalle ore 21, sul palco di Piazza del Popolo, per un'esibizione che sarà preceduta da un corteo degli artisti, che sfileranno per le vie del paese con i loro abiti tradizionali. I due gruppi daranno vita ad una serata ricca di suoni e colori, con danze tradizionali assolutamente coinvolgenti ed accompagnate dalla musica dal vivo. La serata pulese chiuderà così il festival, che per cinque giorni, grazie all’organizzazione dell’associazione culturale “Città di Assemini”, ha portato a Pula, Assemini, Portoscuso e Carloforte il meglio del folk mondiale, grazie a gruppi provenienti da Cina, Cile, Serbia, Bielorussia, Colombia e Sardegna. Inoltre, questa edizione è stata contraddistinta dallo scambio tra il gruppo cinese e gli studenti dell’Aula Confucio dell’Università degli studi di Cagliari, entrambi protagonisti nel capoluogo di un incontro-seminario all’insegna del confronto culturale e della crescita reciproca.

Il gruppo di danza dell'Università di Tecnologia di Hebei è stato fondato nel 1988. L’ateneo si trova nella città di Tianjin, una metropoli di 15milioni di abitanti situata lungo la costa nord orientale della Cina. Tutti i membri della compagnia sono gli insegnanti o studenti dell'università. Negli ultimi trent’anni, il gruppo ha partecipato a numerosi festival internazionali d'arte popolare in tutto il mondo, tra cui Romania, Austria, Ungheria, Stati Uniti, Repubblica Ceca, Portogallo, Spagna ed Italia. Le loro straordinarie coreografie, insieme alla musica ed ai coloratissimi costumi che rappresentano i personaggi del folk cinese, sono valsi loro numerosi riconoscimenti sia in patria che nei festival ai quali hanno partecipato.


Formato da studenti, docenti e lavoratori dell’Università di Tarapacá (che ha sede nella città di Arica, nel nord estremo del Paese), il gruppo Cinut (Conjunto folclórico integración de la Universidad de Tarapacá) è nato nel 1995 con l’obiettivo di integrare in un unico progetto artistico le musiche, le danze e le tradizioni cilene. Il gruppo propone uno spettacolo molto ricco e variegato, con le danze Huaso della zona centrale del Cile, quelle del nord (con chiare influenze peruviane), quelle Mapuche della zona sud del Paese e la straordinaria tradizione Rapa Nui dell’Isola di Pasqua. Grazie alla dedizione dei suoi artisti, il gruppo Cinut è stato chiamato negli ultimi anni a rappresentare il Cile in numerose manifestazioni svoltesi in tutto il SudAmerica, in particolar modo in Perù, Colombia, Argentina ed Ecuador. Nel 2013, il gruppo ha anche tenuto una tournée in Spagna ed Italia.
Commenti
14:06
Sarà il cantautore toscano il protagonista del Capodanno in piazza. Ma Pelù e i suoi Bandidos non saranno gli unici artisti ad animare la notte di San Silvestro. Sarà una serata adatta a un vasto pubblico, per gusti ed età. Sul palco saliranno anche il gruppo sardo MariaMarì ed il dj Davide Merlini, in grado di spaziare con il suo dj set dagli Anni Sessanta ad oggi
11/12/2017
Sabato, a Mamoiada, il navigatore ha ricevuto l´onorificenza dalle mani del sindaco del paese barbaricino Luciano Barone. «Alle cime ci sono abituato, vi posso prendere al lazzo», ha scherzato Mura, con la maschera dei Mamuthones e le corde degli Issohadore
© 2000-2017 Mediatica sas