Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaAgricoltura › Pds: riduzione idrica all´agroindustria
Red 31 luglio 2017
Il Partito dei Sardi apre il dibattito sugli stanziamenti a favore dei Consorzi di bonifica: «Ottimizzare l’uso delle risorse idriche riducendo le dotazioni alle colture agroindustriali»
Pds: riduzione idrica all´agroindustria


CAGLIARI - «In un momento di grave siccità che sta mettendo in ginocchio il mondo delle campagne, non si pensi che tutto si risolva con la dichiarazione di calamità naturale recentemente chiesta dall'esecutivo regionale, o con gli stanziamenti in bilancio a beneficio dei Consorzi di bonifica. La Giunta e il Consiglio regionale devono impegnarsi realmente per applicare misure che, in concreto, portino a un uso razionale delle risorse idriche». Gianfranco Congiu, presidente del Gruppo Partito dei Sardi in Consiglio regionale, accende il dibattito politico su siccità, uso delle risorse idriche ed aiuti economici al mondo delle campagne, e sollecita la massima istituzione della Sardegna a prendere delle decisioni in merito.

«Il primo agosto, il Consiglio regionale è convocato con all’ordine del giorno, fra gli altri punti, una variazione di bilancio che libera uno stanziamento di 10milioni di euro a favore dei Consorzi di bonifica. Va benissimo, non possiamo che essere d’accordo. Ma non basta - spiega Congiu - Occorrono provvedimenti che non siano dei semplici rattoppi, ma che, con uno sguardo di lunga gittata, portino verso una soluzione vera del problema. I 10milioni stanziati dalla Giunta regionale saranno utili principalmente a coprire le spese delle bollette per la distribuzione dell’acqua nelle campagne, ma per affrontare e provare a risolvere il problema della siccità in Sardegna serve un’analisi più seria e dei cambiamenti radicali che spingano le aziende ad adottare buone pratiche in agricoltura», precisa il capogruppo del PdS.

Il primo aspetto su cui intervenire è la distribuzione delle risorse idriche: «È necessario dare priorità alle aziende zootecniche e alle coltivazioni finalizzate alla produzione alimentare, riducendo o, se fosse il caso, sospendendo, le dotazioni di acqua destinata alle colture agroindustriali il cui unico scopo è produrre biomassa», sostiene Congiu. Altro cambiamento fondamentale riguarda la modalità di bollettazione applicata dai Consorzi di bonifica per il consumo dell’acqua: le aziende consorziate pagano secondo l'estensione superficiaria i terreni, a prescindere dall'effettivo utilizzo ed a prescindere dalla superficie effettivamente coltivata. Un sistema che genera sprechi, proprio perché non tiene conto dei reali consumi di acqua. «Vorremmo che il Consiglio dibatta su questi aspetti, interrogandosi se non sia il caso di cambiare la modalità di bollettazione, parametrando il costo della risorsa idrica al suo consumo. In questo modo, gli agricoltori sarebbero incentivati a convertire i sistemi di irrigazione, passando agli impianti a goccia, eliminando così qualunque spreco di acqua - prosegue Gianfranco Congiu, che conclude - Su questi argomenti è indispensabile che il Consiglio prenda una posizione chiara e che il Comitato istituzionale dell’Autorità di bacino della Sardegna, presieduto da Francesco Pigliaru, assuma decisioni e atti conseguenti».
Commenti
20/10/2017
Martedì 24 ottobre è il turno del mercato di Porto Torres che ospita i bambini della scuola dell’infanzia e della scuola elementare dell’Istituto Comprensivo numero 2 De Amicis
© 2000-2017 Mediatica sas