Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariCronacaInfanzia › Cambio della guardia per Chernobyl estate
Red 31 luglio 2017
Estate solidale delle famiglie sarde a favore dei bambini bielorussi, come da tradizione ormai venticinquennale. Oggi, è arrivato il momento del rientro in patria del “gruppo un mese-luglio”, un vero e proprio cambio della guardia, perché nella stessa giornata è previsto l’arrivo del “gruppo un mese–agosto”
Cambio della guardia per Chernobyl estate


CAGLIARI - Estate solidale delle famiglie sarde a favore dei bambini bielorussi, come da tradizione ormai venticinquennale. Il 7 giugno l’arrivo del “gruppo tre mesi”, il 28 giugno quello dei “gruppi due mesi” e “gruppo un mese-luglio”, proprio per quest’ultimo contingente di bambini bielorussi, dopo un soggiorno di un mese in Sardegna, oggi (lunedì), è arrivato il momento del rientro in patria, un vero e proprio cambio della guardia, perché nella stessa giornata è previsto l’arrivo del “gruppo un mese–agosto”.

Proprio in onore dei 25ennale di instaurazione dei rapporti diplomatici fra Italia e Bielorussia ed i venticinque anni dell’accoglienza dei bambini bielorussi nell'Isola, il 2017 è stato dichiarato Anno della cultura bielorussa in Sardegna. Ancora una volta, è doveroso ringraziare le tantissime famiglie sarde che, rinnovando questo appuntamento di solidarietà fatto di gesti veri e concreti, aprono le loro case ai bambini bielorussi.

Il progetto prevede un periodo di permanenza lontano dalle zone contaminate con una dieta ricca di proteine e vitamine consente di eliminare fra il 50percento ed il 70percento degli isotopi radioattivi, con particolare riferimento al cesio 137 che si accumula dell’organismo dei bambini. La centrale nucleare di Chernobyl pur trovandosi in Ucraina ha riversato in Bielorussia oltre i due terzi del materiale radioattivo fuoriuscito. Chernobyl si trova a soli 5chilometri dalla frontiera Bielorussia, ed il giorno dell’incidente i venti soffiavano proprio in quella direzione).

Foto d'archivio
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas