Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPolitica › Udc furente: il sindaco fugge
Red 3 agosto 2017
«La città paga l’incapacità di Mario Bruno. Sui lavoratori interinali ha scelto di non prorogare il contratto per bassi desideri di vendetta con chi gli ha tolto la fiducia. Ora la smetta di inseguire chimere e consenta agli algheresi di inaugurare una stagione politica davvero nuova», questo il fulcro della nota dell´Udc Alghero, sottoscritta dal gruppo consiliare, dal Coordinamento e dal Direttivo cittadino
Udc furente: il sindaco fugge


ALGHERO - «La pubblicazione all’albo della revoca della convocazione della riunione del Consiglio comunale, già precedentemente disposta, per le giornate del 31 luglio e 1 agosto [LEGGI], senza alcuna giustificazione, ha creato ad Alghero una situazione politicamente e socialmente insostenibile. La decisione assunta dal sindaco e dal gruppo di Maggioranza che è rimasto a suo sostegno appare decisamente fuori luogo, visto che l’attesa votazione del rendiconto finanziario costituiva un appuntamento decisivo per il funzionamento della macchina tecnico-amministrativa: è stato come venir meno ad un impegno preso e a cui non si poteva venir meno». Inizia così la nota congiunta dell'Udc Alghero, sottoscritta dal gruppo consiliare, dal Coordinamento e dal Direttivo cittadino, passato dall'appoggio esterno alla Giunta Bruno [LEGGI], a sedersi tra i banchi dell'Opposizione [LEGGI].

«Il rischio paventato di risultare sprovvisti del numero minimo sufficiente per far approvare la relativa delibera ha indotto il sindaco a fuggire dalle sue precise responsabilità. Come se tale rischio fosse dipeso da altri. La frantumazione della vecchia Maggioranza, che ha retto le sorti del Comune di Alghero negli ultimi tre anni, ha infatti una sola causa: l’incapacità del primo cittadino e del suo ristretto gruppo di intimi collaboratori di affrontare alcuni nodi decisivi della vita dei cittadini. Nodi che si sarebbero potuti benissimo sbrogliare, se solo si fosse dato ascolto alle richieste che sollecitamente il gruppo Udc ha sempre posto al tavolo della discussione [LEGGI]. Fermo restando che tale incapacità può ragionevolmente avere un’unica spiegazione plausibile: la mancanza cioè del coraggio di prendere decisioni sgradite ad una risicata pattuglia di “geni della politica” che a tutto pensano fuorché all’effettivo benessere delle persone e dei cittadini», proseguono.

«Va da se che non è in alcun modo accettabile che si passi sopra così insensibilmente alle esigenze reali dei cittadini, come ad esempio i lavoratori interinali a scadenza di contratto. Infatti, l’Amministrazione ben sapeva di poter prorogare, sottolineiamo “prorogare”, il contratto degli interinali in scadenza, senza che ci fosse l’approvazione del rendiconto. Viceversa, in caso di mancata proroga, per la stipula di un nuovo contratto è necessaria l’approvazione del rendiconto. La scelta dell’Amministrazione, che appare ispirata più da bassi desideri di vendetta nei confronti di una forza politica che ha tolto la fiducia al sindaco che non al tanto abusato luogo comune del bene della città (a parole, ma non nei fatti), di non prorogare i contratti in scadenza agli interinali è dunque una scelta consapevole, di bassa politica, tutta del sindaco. Prima di pensare a salvare, per qualche settimana ancora, il suo scranno, il sindaco doveva pensare che, non essendoci più alcuna possibilità di fare affidamento su una maggioranza solida e qualificata, sarebbe stato perfettamente inutile insistere su qualcosa di impossibile ed avrebbe dovuto quindi farsi da parte per consentire l’arrivo subitaneo del commissario straordinario il quale avrebbe potuto procedere all’approvazione del rendiconto in brevissimo tempo. Si chiede pertanto al sindaco un gesto di riconquistata onestà intellettuale: la smetta di inseguire chimere e consenta agli algheresi di inaugurare una stagione politica davvero nuova», conclude il comunicato Udc.

Nella foto: Nina Ansini, del Coordinamento cittadino
Commenti
19:25
Polemiche ad Alghero. «I signori consiglieri chiedano scusa e rettifichino quanto detto. Che questa sia l’ultima volta che persone libere siano utilizzate come strumento da campagna elettorale»
16/10/2017
Sabato, si è tenuta a Sassari la riunione degli iscritti al Partito dei sardi, propedeutica all´assemblea nazionale che si terrà a breve. Presenti i maggiori dirigenti nazionali, tra cui il presidente Paolo Maninchedda, il segretario Franciscu Sedda ed una folta delegazione algherese
© 2000-2017 Mediatica sas