Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaAgricoltura › Pegno rotativo: interviene Paci
Red 4 agosto 2017
«Con le prime convenzioni decolla uno strumento innovativo che aiuterà la stabilità di tutta la filiera lattiero-casearia», dichiara l´assessore regionale della Programmazione
Pegno rotativo: interviene Paci


CAGLIARI - “Con la chiusura di operazioni per 16milioni di euro da parte del Banco di Sardegna decolla definitivamente lo strumento del pegno rotativo, al cui perfezionamento abbiamo lavorato a lungo negli scorsi mesi. La Sardegna è una delle prime regioni in Italia a partire, facendo così un importantissimo passo avanti verso la razionalizzazione della filiera del pecorino romano, con un sistema di garanzia innovativo che consente di facilitare i rapporti fra il mondo bancario e i trasformatori del latte ovino”. Commenta così l'assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci la notizia diffusa dal Banco di Sardegna sulla partenza delle prime convenzioni.

«Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito a raggiungere un obiettivo così importante: sicuramente il pegno rotativo è un importante passo avanti per migliorare la stabilità del settore, attraverso una seria programmazione che scongiuri da una parte la sovrapproduzione, dall’altra continue oscillazioni del prezzo con tutti gli effetti negativi e destabilizzanti che ne conseguono”. Da parte sua la Giunta continuerà a seguire con la massima attenzione tutti i problemi relativi alla filiera lattiero-caseario che ci vede già operativi con una serie di importanti e innovativi strumenti, e con una politica che punta a riforme strutturali e ad ampio respiro per risolvere una volta per tutte gli storici problemi del comparto», conclude il vicepresidente della Regione autonoma della Sardegna.

Nella foto: l'assessore regionale Raffaele Paci
Commenti
20/10/2017
Martedì 24 ottobre è il turno del mercato di Porto Torres che ospita i bambini della scuola dell’infanzia e della scuola elementare dell’Istituto Comprensivo numero 2 De Amicis
© 2000-2017 Mediatica sas