Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieolbiaCulturaEnogastronomia › Vini: Siddura pluripremiato
Red 5 agosto 2017
La prestigiosa guida “Vini buoni d’Italia” incorona il vermentino Maia Golden Star per Bacco 2015. La “Corona” è il massimo riconoscimento attribuito dalla guida e viene assegnato ad un numero limitato di vini
Vini: Siddura pluripremiato


LUOGOSANTO - Una nuova corona d’oro cinge il collo della bottiglia di Maia 2015, il Vermentino di Gallura Docg superiore fiore all’occhiello della produzione della cantina Siddura. Per il primo nato dell’azienda di Luogosanto, arriva un nuovo e prestigioso riconoscimento assegnato da “Vini buoni d’Italia”, la guida edita dal Touring club, che da sempre rappresenta uno strumento di promozione del made in Italy del vino ed un autorevole punto di riferimento per il mercato italiano ed estero. Maia, già plurivincitore di premi di caratura internazionale, con oltre trenta medaglie conquistate dal 2013 ad oggi, è stato apprezzato dagli esperti giudici della guida che, ogni anno, assegna un numero limitato di “Corone”, il massimo riconoscimento attribuito ai vini di eccellenza. La guida è unica, nel panorama italiano ed internazionale, perché è la sola dedicata esclusivamente ai vini da vitigni autoctoni, cioè a quei vini prodotti al 100percento da vitigni che sono presenti nella Penisola da oltre trecento anni.

Il Vermentino di Gallura Docg superiore che Siddura vinifica con metodi innovativi, pur nel rispetto della tradizione, rappresenta l’inizio dell’attività produttiva della cantina che oggi si propone al mercato internazionale con otto vini. Massimo Ruggero, amministratore delegato dell’azienda di Luogosanto, esprime grande soddisfazione per il prestigioso riconoscimento che punta alla valorizzazione delle radici locali, del territorio e della tipicità.

«La Corona attribuita al nostro Maia, espressione in purezza di un vitigno antico e autoctono come il Vermentino di Gallura, acquista particolare valenza – spiega Ruggero - perché rappresenta un’attestazione alla qualità non solo del vino vincitore, ma soprattutto del territorio dal quale proviene. Il terroir della Gallura, con i venti di maestrale e la brezza marina – continua l’amministratore delegato di Siddura – conferisce ai vermentini una sapidità e una mineralità uniche che non possono essere riprodotte in nessuna parte del mondo. Ecco perché questo premio ci rende ancora più orgogliosi».

Dalle selezioni della commissione della guida svoltesi a Buttrio arriva anche un altro importante riconoscimento per la cantina Siddura: il titolo di Golden Star per il Cagnulari Bacco 2015, già indicato dagli esperti del settore come uno dei vini rossi migliori d’Italia durante il Vinitaly di aprile. A luglio, nella vallata di Luogosanto, sono arrivati altri due ambiti titoli: i giudici di Douja D’Or, uno dei concorsi internazionali più antichi ed autorevoli, hanno assegnato “l’Oscar del vino” al Vermentino di Gallura Docg Spera ed al passito Nuali.

l'amministratore delegato Massimo Ruggero
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas