Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaAnimali › Scarti da macellazione, stop all’emergenza
Red 7 agosto 2017
Il presidente della Regione autonoma della Sardegna ha firmato una nuova ordinanza che regolamenta lo smaltimento per i prossimi sei mesi. Stanziati 3milioni per interventi strutturali
Scarti da macellazione, stop all’emergenza


CAGLIARI - È stata firmata oggi (lunedì), dal presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru la nuova ordinanza contingibile ed urgente, della durata di sei mesi, per il conferimento dei sottoprodotti di origine animale, categorie 1 e 3, che rinnova di fatto il provvedimento licenziato a fine gennaio e scaduto il 24 luglio sullo smaltimento degli scarti da macellazione. Mesi fa, la presidenza della Regione era già intervenuta con un’ordinanza dopo la situazione emergenziale venutasi a creare in tutta la Sardegna, sullo smaltimento dei Soa, dopo il sequestro disposto dal Tribunale di Cagliari sullo stabilimento Agrolip sarda srl di Macchiareddu. Infatti, questo impianto era specializzato nella trasformazione di Soa ed autorizzato al trattamento massimo di circa 28tonnellate al giorno di scarti di categoria 1 e 3. La condizione di emergenza si è poi accentuata dopo lo stop delle attività del sito Tecnocasic, sempre nella zona industriale di Macchiareddu, per interventi di manutenzione ordinaria degli impianti ed il ristoro di alcuni danni dovuti ad un incendio scoppiato a fine aprile. Tecnocasic dovrebbe riprendere la piena funzionalità nelle prime settimane di settembre.

L'ordinanza è un atto straordinario, prodotto per sopperire ad una carenza dell’apparato produttivo regionale incapace, finora, di sviluppare un sistema imprenditoriale che in altre parti d'Italia produce ricchezza dall'utilizzo dei sottoprodotti (cibo per animali domestici, olii industriali, ecc.) e non grava come costo per le aziende primarie. In relazione a questo, per favorire la risoluzione strutturale di tale handicap, la Presidenza, in qualità di autorità di gestione dei Fondi di sviluppo e coesione, ha riprogrammato delle risorse e messo a disposizione del settore 3milioni di euro per il finanziamento di un apposito bando che verrà gestito dall'Assessorato regionale dell'Agricoltura. I sottoprodotti di categoria 1 (soprattutto materiale specifico a rischio, non contenente parti di suino, come per esempio materia celebrale o oculare di bovini superiori ai dodici mesi, milze di ovini di qualunque età, ecc.) possono essere stoccati e trasportati al di fuori della regione per lo smaltimento. Discorso diverso riguarda i sottoprodotti di categoria 3 (per esempio: pelli, grasso, ossa, scarti della grande distribuzione, etc), poiché le attuali modalità di gestione adottate dagli operatori del settore non consentono di escludere la presenza di sottoprodotti di origine suina, il cui trasporto e smaltimento al di fuori della Sardegna non è consentito dalle norme in materia di eradicazione di Peste suina africana.

Gli operatori produttori di scarti da macellazione o di lavorazione devono garantire la separazione dei sottoprodotti di categoria 1 da quelli di categoria 3 e provvedere allo smaltimento dei Soa di categoria 1 (di origine non suina) al di fuori del territorio regionale. Tali operatori, insieme a quelli del settore della distribuzione carni, devono provvedere alla separazione, nell’ambito della categoria 3, degli scarti di origine suina da quelli di diversa specie, affinché i sottoprodotti di categoria 3 non suini siano destinati allo smaltimento al di fuori del territorio regionale. Questi sottoprodotti possono essere spediti alla trasformazione negli impianti autorizzati o all’incenerimento da Tecnocasic, non appena il sito riprenderà la piena funzionalità. Per non oltre sei mesi dall'ordinanza, i sottoprodotti di categoria 3, in eccedenza a quelli destinati agli impianti o agli inceneritori possono essere smaltiti, in via del tutto eccezionale, come rifiuti, nelle discariche autorizzate nel territorio regionale, dotate di idoneo impianto di biogas, previo trattamento (calce idrata, soda caustica al 2percento), così da assicurare che i materiali non presentino rischi per la salute pubblica e animale. I Soa di categoria 3, smaltiti negli impianti di incenerimento o nelle discariche autorizzate devono essere raccolti e trasportati conformemente a quanto previsto dalla sola normativa ambientale in materia.

Per quanto riguarda la mortalità fisiologica negli allevamenti suini registrati, considerata la situazione di criticità causata dall'impossibilità di un regolare smaltimento dovuto all'assenza di impianti autorizzati ed idonei allo smaltimento di carcasse, l’operatore del settore alimentare è autorizzato, in via straordinaria, allo smaltimento tramite interramento delle carcasse di suino, attraverso l’emanazione di un’ordinanza da parte del sindaco competente. Il sito deve essere individuato e le modalità di interramento devono avvenire in un luogo ove siano ridotti al minimo i rischi per la salute degli animali, per la salute pubblica e per l'ambiente. Questi siti devono essere situati ad una distanza sufficiente per consentire all'autorità competente di gestire la prevenzione dei rischi e devono infine essere autorizzati dai Servizi veterinari della Azienda per la tutela della salute della Sardegna competenti per territorio.

Nella foto: il presidente regionale Francesco Pigliaru
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas