Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaAmministrazione › Wheeler: «Ho dato un passaggio a Grillo con l’auto di servizio»
Mariangela Pala 7 agosto 2017
Di sicuro Beppe Grillo al ristorante c’è andato con la macchina di servizio guidata dal sindaco Sean Wheeler. Ad ammetterlo è lo stesso primo cittadino durante la seduta del consiglio comunale di fronte alla richiesta di spiegazioni sull’utilizzo improprio dell’auto del Comune da parte dei consiglieri dell’opposizione
Wheeler: «Ho dato un passaggio a Grillo con l’auto di servizio»


PORTO TORRES - Di sicuro Beppe Grillo al ristorante c’è andato con la macchina di servizio guidata dal sindaco Sean Wheeler. Ad ammetterlo è lo stesso primo cittadino durante la seduta del consiglio comunale di fronte alla richiesta di spiegazioni da parte dei consiglieri dell’opposizione sull’utilizzo improprio dell’auto del Comune. «Nel primo pomeriggio mi dovevo recare alla riunione socio-sanitaria presso la Asl di Sassari: ho dato un passaggio al signor Grillo fino a un ristorante, che si trova lungo la strada per Sassari, senza fare nessuna deviazione o anche solo un metro in più rispetto al mio tragitto».

Il fatto risale al 10 luglio scorso in cui il leader nazionale dei 5 stelle si presenta a sorpresa nel palazzo comunale per incontrare la maggioranza pentastellata, confronto conclusosi nell’ora di pranzo quando Beppe Grillo salì nella macchina del comune guidata dal sindaco e diretta al ristorante. «Riguardo la vicenda dell'auto, vorrei precisare che tutta la questione ruota intorno a delle incomprensioni che non devono assolutamente nascere. Non c' è stato nessuno spreco di risorse», precisa il primo cittadino, «ricordo quel giorno per me particolare: avevo un appuntamento con l'amministratore del Gse, il Gestore del servizio elettrico. Ero andato ad incontrarlo ad Alghero, poi siamo venuti qui per continuare le riunioni, che vertevano tutte intorno al Reddito energetico. Insieme a noi c'era uno staff di avvocati - prosegue Wheeler - e due parlamentari della Repubblica italiana, Riccardo Fraccaro e Alfonso Bonafede. Lo stesso giorno qui in Comune abbiamo ricevuto la visita di Beppe Grillo».

Un blitz terminato quando «il sindaco alla guida della Fiat Bravo assieme al Presidente del Consiglio, avevano fatto salire a bordo un cittadino comune, Beppe Grillo senza trascrivere nel registro di marcia del veicolo il motivo dello spostamento e non giustificando l'utilizzo della stessa vettura per un totale di 155 chilometri», sottolineano i consiglieri dell’opposizione che avanzano in consiglio la proposta (primo firmatario il consigliere sardista Davide Tellini) di modificare l’articolo 6 del Regolamento per l’uso dei veicoli comunali. Un nuovo testo indicato dalla minoranza che riporti la dicitura:«Le macchine di rappresentanza, non possono essere condotte da amministratori comunali, ne potranno essere utilizzate per ospitare cittadini che non ricoprano alcun ruolo di tipo istituzionale». Un proposta bocciata dalla maggioranza.

«Chiedo al segretario comunale - attacca Tellini - se un cittadino che non ricopre alcun ruolo istituzionale possa salire su un auto di servizio e chiedo anche se il libero cittadino plurindagato Beppe Grillo si possa permettere di utilizzare la sala del consiglio per insultare le precedenti amministrazioni. Non è tollerabile che un primo cittadino consenta ad altri di fare certe considerazioni su precedenti amministratori». Sull’argomento anche il consigliere comunale del Partito democratico, Massimo Cossu: «sicuramente ci sono temi più sentiti ma è vero anche che le questioni di principio bisogna porsele. Per questo vorremmo sapere dal segretario comunale se sono ravvisabili i reati di peculato, abuso di ufficio o uso improprio di bene pubblico visto che sono stati percorsi oltre 140 chilometri con un semplice cittadino a bordo dell’auto di servizio».
16/10/2017 video
Impegno mantenuto dal sindaco di Alghero per ricreare un quadro amministrativo stabile, col coinvolgimento attivo del Partito democratico. Entro il 5 novembre la decisione definitiva. Poche le alternative in città e nessun progetto autorevole all´orizzonte tra le opposizioni di destra
16/10/2017
Alghero, negli ultimi quindici anni soprattutto, è sempre stata terra di laboratori politici. Con alcuni "casi" difficilmente eguagliabili: era il 2002 e l´allora neo-eletto sindaco rassegnò le dimissioni dopo tre mesi dal mandato. Tutte le tappe dal 2002 al 2017
17:15
Il coordinamento politico di Sardenya i Llibertat esce allo scoperto e risponde presente all´appello del Primo cittadino di Alghero e del capogruppo Dem in Consiglio comunale e si dice pronto ad aderire con convinzione al tavolo del Centrosinistra. Di seguito il documento integrale
16/10/2017
Venerdì, il sindaco di Sassari ha coordinato il seminario “Il ruolo delle Città medie per la costruzione dell’Agenda urbana nazionale”. L’incontro si è svolto durante la 34esima Assemblea nazionale Anci
© 2000-2017 Mediatica sas