Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariCronacaSoccorsi › L'Esercito salva 7 naufraghi a Teulada
Red 8 agosto 2017
Durante l’attività di pattugliamento nel tratto di mare antistante l’area addestrativa di Capo Teulada, nell’ambito della propria attività istituzionale nel poligono di Teulada, la motovedetta dell’Esercito del primo Reggimento Corazzato veniva allertata dalla Capitaneria di porto di Cagliari per intervenire in soccorso ad un’imbarcazione civile nelle acque di Porto Zafferano
L'Esercito salva 7 naufraghi a Teulada


TEULADA - Durante l’attività di pattugliamento nel tratto di mare antistante l’area addestrativa di Capo Teulada, nell’ambito della propria attività istituzionale nel poligono di Teulada, la motovedetta dell’Esercito del primo Reggimento Corazzato veniva allertata dalla Capitaneria di porto di Cagliari per intervenire in soccorso ad un’imbarcazione civile nelle acque di Porto Zafferano.

La motovedetta dell’Esercito, giunta tempestivamente sul posto, provvedeva a soccorrere i diportisti (sei adulti ed un minore) e, dopo essersi sincerati delle loro buone condizioni fisiche, li traeva a bordo dell’imbarcazione militare.

Il comandante della motovedetta dell’Esercito, giunto nel porticciolo di Teulada dopo aver messo in sicurezza l’imbarcazione, provvedeva alle operazioni di sbarco del personale soccorso, tutti in buone condizioni di salute. Sul posto, è intervenuta anche una motovedetta della Capitaneria di porto di Sant’Antioco, che ha provveduto a recuperare l’imbarcazione trainandola sino al medesimo porto. Al termine del soccorso, la motovedetta ha ripreso la propria attività di controllo, delle acque prospicienti l'area addestrativa di Capo Teulada.
17:10
Le ricerche erano proseguite per tre lunghi giorni. La salma trasportata dai militari della Capitaneria nel porto di Alghero e poi a Sassari, nella struttura ospedaliera di Rizzeddu. Restano da capire le cause che hanno portato al decesso
16/10/2017
Le ricerche sono proseguire senza sosta in località La Frana. Sotto il coordinamento del direttore marittimo del nord Sardegna, capitano di Vascello Maurizio Trogu, prendono parte alle ricerche anche i mezzi navali della Guardia costiera di Porto Torres ed Alghero, della Guardia di finanza, un elicottero ed i sommozzatori dei Vigili del fuoco
16/10/2017
A dare l´allarme è stata la compagna non vedendolo tornare a casa dalla battuta di pesca subacquea in apnea. Continuano le ricerche per ritrovare il corpo
16/10/2017
Improvviso malore a bordo della Moby Otta, in navigazione a circa sei miglia dal porto di Olbia. Provvidenziale l´intervento della motovedetta della Capitaneria di porto
© 2000-2017 Mediatica sas