Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmbiente › Legge Turismo: il Wwf chiama il Governo
Red 8 agosto 2017
L´associazione ambientalista chiederà al Governo di impugnare la legge sul turismo della Regione autonoma della Sardegna, come già richiesto dal soprintendente al paesaggio Fausto Martino
Legge Turismo: il Wwf chiama il Governo


ALGHERO - Il Wwf esprime grande preoccupazione per l’articolo 15 contenuto nella nuova legge regionale sul turismo, che potrebbe portare a realizzare anche nella fascia dei 300metri dalla battigia e, in aree paesaggistiche di rilievo, ulteriori volumetrie. Visto il rischio concreto, «manifestiamo grande appezzamento per l’azione intrapresa dal soprintendente al Paesaggio Fausto Martino, che denuncia la mancata co-pianificazione da parte della regione sarda con il Ministero competente e chiede il ricorso del Governo alla Corte Costituzionale per verificarne la legittimità».

«Anche in questo caso, la Sardegna - ha dichiarato il delegato regionale Wwf Carmelo Spada - si distingue per scelte pianificatorie discutibili e non condivisibili come già rimarcato dalla nostra associazione in merito al Ddl Urbanistica, che nel suo complesso, anche con eventuali modifiche, sarebbe comunque un pessimo strumento di governo del territorio. Nello specifico della una nuova legge sul turismo - ha continuato Spada - in merito ai campeggi, va ricordato che essi spesso sono ubicati in aree di grande bellezza paesaggistica della Sardegna, pertanto consentire il posizionamento di casette prefabbricate, pari al 35percento della capacità ricettiva di ogni singola struttura è davvero incredibile e inaccettabile. Anche il Wwf chiederà al Governo di impugnare la legge sul turismo della regione Sardegna come già richiesto dal soprintendente al Paesaggio Fausto Martino che teme possano sorgere agglomerati edilizi privi di ogni qualità in contrasto con le norme tecniche di attuazione del Piano paesaggistico regionale».

«Se il governo nazionale non dovesse intervenire, valuteremo la possibilità, in presenza di singoli provvedimenti concessori, di impugnarli presso il Tribunale Amministrativo della Sardegna. Siamo convinti che qualsiasi deroga alla tutela ambientale e paesaggistica che possa riversare ulteriori volumi edilizi, siano essi di cemento o di prefabbricati di legno, sulle coste determina un nuovo e inutile consumo di territorio costiero che compromette una risorsa strategica per le generazioni future», ha concluso il delegato Wwf per la Sardegna.

Nella foto: il delegato regionale Wwf Carmelo Spada
Commenti
20/1/2018
Il Wwf pone all’attenzione pubblica, un’idea progettuale eco-sostenibile di alto valore socio-ambientale come già è stato realizzato in molte città europee: bonificare, riqualificare e portare la spiaggia e la balneazione sin dentro la città
18:12
Sarà interamente a carico delle aziende del Polo industriale il costo per il risanamento della falda di Portovesme. Ieri mattina, lo ha stabilito il Ministero dell’Ambiente, che ha ripartito i costi per decreto
19/1/2018
Si è svolta ieri a Cagliari, negli uffici regionali, la conferenza di servizi per il progetto Nuraghe, relativo alle bonifiche ambientali nelle aree dell´ex petrolchimico
19/1/2018
Entra nel vivo il progetto Isos – Isole Sostenibili, finanziato dal Programma Interreg Italia-Francia ‘Marittimo’ 2014-2020. Ieri sera i responsabili del Servizio osservatorio del paesaggio presso l’assessorato dell’Urbanistica hanno illustrato i contenuti del progetto
18/1/2018
Il capo di gabinetto della Presidenza della Regione autonoma della Sardegna ha incontrato i sindaci di Decimoputzu e Villasor e ha ribadito il giudizio negativo all´impianto
© 2000-2018 Mediatica sas