Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCronacaArresti › Furti ed estorsione: due arresti a Sassari
Red 9 agosto 2017
Ieri sera, la Polizia locale ha eseguito un´ordinanza di custodia cautelare nei confronti di due giovani resisi responsabili della tentata estorsione ai danni di un commerciante ambulante e di altri reati
Furti ed estorsione: due arresti a Sassari


SASSARI - Ieri sera (martedì), la Polizia locale di Sassari ha eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di due giovani resisi responsabili della tentata estorsione ai danni di un commerciante ambulante e di altri reati. L'episodio più grave risale a giugno, quando i due hanno avvicinato un commerciante che opera nel centro urbano e si sono proposti di proteggerlo in cambio di 100euro.

Per dimostrare che facevano sul serio, nella circostanza, avevano rovesciato sulla strada il banco vendita utilizzato dal commerciante con tutta la merce in esso esposta. Qualche settimana più tardi, i due avevano minacciato di incendiare l'auto ed il banco vendita dell'uomo, se quest'ultimo non avesse ritirato la denuncia sporta per tentata estorsione e se non avesse consegnato la somma pretesa.

A distanza di pochi giorni, gli stessi si rendevano protagonisti del furto di un computer e di altri valori custoditi nell'abitacolo di un auto parcheggiata in una via del centro di Sassari. Il 25enne (già noto alle Forze dell'ordine) ed il 26enne (incensurato) sono stati raggiunti dagli agenti del locale Comando e condotti nelle rispettive abitazioni agli arresti domiciliari.
14:06
La giovane algherese è stata notata dai militari in borghese mentre, ieri sera, si trovava in Piazza dei Mercati e, alla vista di altre pattuglie in divisa, si era allontanata velocemente
17/7/2018
I Carabinieri della Stazione di Mamoiada e di Olbia, con i colleghi del Nucleo Operativo della Compagnia di Nuoro, hanno eseguito un ordine per l’esecuzione della carcerazione nei confronti di un mamoiadino, da anni domiciliato ad Olbia, che dovrà espiare la pena di dieci anni e sei mesi reclusione per reati di lesioni aggravate, minacce, violazioni di domicilio, violenza sessuale e porto illegale di armi
© 2000-2018 Mediatica sas