Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizienuoroPoliticaLavoro › «Su Ottana non ancora scritta la parola fine»
Red 10 agosto 2017
Questa la dichiarazione dell´assessore regionale dell´Industria Maria Grazia Piras, in riferimento alla vicenda di Ottana Polimeri
«Su Ottana non ancora scritta la parola fine»


OTTANA - «In questi ultimi anni, la Regione ha fatto il possibile perché non si arrivasse a questa situazione, ma i numerosi incontri avuti con l’imprenditore non hanno prodotto risultati», dichiara l’assessore regionale dell’Industria Maria Grazia Piras, in riferimento alla vicenda di Ottana Polimeri. «Come Assessorato, abbiamo portato all’attenzione del Governo nazionale la questione Ottana nel suo complesso, suggerendo un percorso che prevedeva l’accorciamento della filiera produttiva e una soluzione strategica che garantisse la ripresa del sito e la continuità produttiva della chimica e del sistema energetico».

«Ricordo – aggiunge l’assessore – che abbiamo accompagnato l’imprenditore nelle varie ipotesi di rilancio della chimica, favorendo il rapporto con l’Eni per l’acquisizione dell’impianto di Sarroch. Nonostante questo, l’azienda ha dichiarato che non ci sono le condizioni per un rilancio della chimica, in particolare per motivi legati a questioni di concorrenza internazionale. Lo stesso imprenditore, tuttavia, si è impegnato a portare avanti gli altri progetti in essere: la riconversione a metano della centrale termoelettrica e gli investimenti sulla metanizzazione e sui depositi costieri. Noi – afferma Piras – vigileremo perché questi impegni siano rispettati e ci aspettiamo che vadano in porto i progetti sull’attività di riciclaggio della plastica, attività quest’ultima che potrebbe portare al riassorbimento di una parte dei lavoratori che andranno in Aspi. Sono impegni precisi che l’imprenditore si è assunto sia davanti al Mise che negli incontri in assessorato alla presenza dei sindacati. Ecco perché sono convinta che sulla vicenda Ottana Polimeri non sia stata ancora scritta la parola “fine”».

«La Regione non può fare impresa ma, come è accaduto in questi anni, continuerà a creare le condizioni perché nuovi imprenditori sappiano far ripartire la produzione di Ottana Polimeri. Noi – conclude l’esponente della Giunta Pigliaru – siamo sempre stati disponibili a trovare una soluzione e puntiamo a un’azione congiunta con tutti i soggetti interessati. A breve, intanto, sarà fatta un’analisi puntuale sulle richieste arrivate per interventi a valere sui bandi legati al rilancio delle attività industriali della zona. Verificheremo quali sono le iniziative in campo e lavoreremo per garantire l’avvio rapido dei progetti».

Nella foto: l'assessore regionale Maria Grazia Piras
Commenti
17/10/2017
Rispondere al profluvio di comunicati imprecisi che arrivano dal centrodestra è un lavoro tanto noioso quanto inutile, ma quando tali comunicati finiscono per produrre informazioni errate e dannose per i cittadini non ci si può esimere dalla risposta
16/10/2017
Dura presa di posizione di Desirè Manca e Maurilio Murru in riferimento alla mancanza di comunicazione fra Sassari e Cagliari a discapito dei lavoratori: «Una pec della Regione Sardegna arriva al Comune di Sassari e nessuno la apre ma, soprattutto, nessuno si preoccupa del fatto che a Cagliari ad un tavolo di discussione così importante che affronta i temi del lavoro non c’è Sassari. Nessuno dice niente, nemmeno una telefonata. Ogni commento è superfluo, ma il fatto è grave, molto, e merita una spiegazione, subito»
16/10/2017
Il direttore generale dell’Agenzia, Massimo Temussi precisa che «la riapertura del Centro per l’impiego a Porto Torres è l’ennesimo tassello nella riorganizzazione del sistema di politiche attive per il lavoro che l’Aspal ha intrapreso dalla sua nascita, con la legge 9 del maggio dello scorso anno, che ha racchiuso sotto una gestione unitaria, con la regia regionale dell’Agenzia, tutti gli uffici territoriali del lavoro»
16/10/2017
Sabato, i lavoratori della miniera di bauxite hanno raggiunto gli operai del Geoparco che occupano il tetto di San Nicola da cinque giorni. L´incontro fra i due presìdi di protesta unisce due vertenze fondamentali per il territorio
© 2000-2017 Mediatica sas