Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCulturaArte › Arte: Holy days ad Alghero
Red 21 agosto 2017
Venerdì 25 agosto, alle ore 20, la Galleria Bonaire Contemporanea inaugurerà la mostra collettiva Holy days promossa dall´associazione culturale Acme, con la partecipazione di Roberta Filippelli, Gianni Nieddu e Stefano Serusi
Arte: Holy days ad Alghero


ALGHERO - Venerdì 25 agosto, alle ore 20, la Galleria Bonaire Contemporanea, in Via Principe Umberto 39, ad Alghero, inaugurerà la mostra collettiva Holy days promossa dall'associazione culturale Acme. La mostra sarà visitabile tutti i giorni, dalle 20 alle 22, fino a sabato 2 settembre.

Holy days è soprattutto una mostra sul tempo, un tempo non misurato, ma rarefatto sia nella dimensione del rito, sia in quella della vacanza che è, in una città come Alghero, essa stessa liturgia. Come le stazioni delle processioni, in un accostamento che può apparire ardito, un turista che passa una settimana in città si sente in qualche modo costretto a passare per certe strade, per certi locali, per certe spiagge, come partecipe di una cerimonia collettiva a cui è chiamato. Questa temporalità è affiancata dalla concretezza della religiosità degli algheresi, che attraversa nelle processioni le stesse strade della città storica, e che ha prodotto forme materiali e spirituali attraverso cui l'individuo è chiamato a fondersi nell'idea di una comunità.

L'insieme delle suggestioni da vita a Holy days, un progetto per cui tre diversi interventi nei tre spazi della Galleria Bonaire sono concepiti come tre percorsi autonomi che raccontano una trasformazione in atto. Gianni Nieddu, nell'unico ambiente di Bonaire caratterizzato da un'evidente simmetria, colloca, come se si trattasse di una piccola chiesa, le tappe di una Via Crucis dal rigore minimalista. Come un ideale percorso sul carattere quotidiano della perdita e della redenzione, Roberta Filippelli racconta invece la notte, caratterizzata da luminosi riferimenti al desiderio e all'estasi, e da un bus navetta a cui abbandonarsi come nella barca di Caronte nel tragitto in discoteca. Il terzo ambiente, realizzato da Stefano Serusi, crea uno straniante richiamo allo spazio esterno, ricreando in un interno un vicolo di Alghero, nella penombra di lampade velate di rosso, come lo sono i lampioni nel percorso delle processioni della Settimana santa in città.

Nella foto: Gianni Nieddu, Via Crucis stazione XIV
Commenti
17:31
La Riviera del corallo diventerà un naturale teatro internazionale, con l´arrivo di artisti da tutto il mondo per le arti e le culture dei sordi. Si inizia stasera, in Largo San Francesco
© 2000-2018 Mediatica sas