Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaCosteCafonal sbarcano alle Bombarde
A.S. 23 agosto 2017 video
Bagnanti indignati sulla spiaggia di Alghero, chiamano la Capitaneria ma ormai il gommone ha già lasciato la riva. Per tutto l´arco della giornata, i membri dell´equipaggio si sono alternati tra la spiaggia e il panfilo da 70 metri. Le immagini amatoriali e la denuncia sui social
Cafonal sbarcano alle Bombarde


ALGHERO - Capita che aver a disposizione un maxi-yacht di 70 metri a volte non basti. E quanto successo nella giornata di martedì sulla rinomata spiaggia de "Le Bombarde" di Alghero ne è la prova. Il panfilo (un Benetti a noleggio), ancorato davanti alla spiaggia, ma per gli ospiti, i membri dell'equipaggio hanno provveduto ad installare nella parte dell'arenile più frequentato dalle famiglie un vero e proprio privè con tutti i comfort.

Due eleganti gazebo, lettini rigorosamente in legno e teli da mare. Tutte le attrezzature trasportate con un tender fino alla spiaggia, senza utilizzare l'idoneo corridoio di lancio. Lo sbarco è avvenuto nelle prime ore della mattina e durante la giornata i membri del Freedom hanno fatto spola a bordo di una potente moto d'acqua.

Fino alle 18, quando i due marinai con polo bianca e pantaloncini blu hanno nuovamente raggiunto la spiaggia col gommone. Hanno chiuso gli ombrelloni, piegato le sedie sdraio e caricato l'attrezzatura dalla prua ribaltata sull'acqua. Prima di lasciare la spiaggia, tra lo sguardo dei molti bagnanti presenti, un saluto col sorriso. Ma il fare spregiudicato dell'equipaggio non è piaciuto a molti, tanto che alcuni bagnanti indignati hanno chiamato la Capitaneria di Porto denunciando il fatto sui social.
Commenti

16/8/2018
Ombrelloni “fermaposto”, sedie, tavolini, tende da campeggio sequestrati, campi da pallavolo in spiaggia smantellati, il Ferragosto della Compagnia Barracellare di Alghero si è distinto per il superlavoro svolto sui litorali, in particolare nell’area di Maria Pia, dove si tiene ogni anno il raduno degli incivili
16/8/2018
Stefano Deliperi lancia l´allarme e sollecita interventi immediati per salvare una delle bellezze della Sardegna meridionale: è soffocata, coperta da ombrelloni e lettini, ridotta a una kasbah, assediata da centinaia di auto roventi sotto il sole, avvolta da olio solare e odori da cucina
© 2000-2018 Mediatica sas