Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieoristanoCronacaParchi › Sequestrate reti nell´Amp del Sinis
Red 25 agosto 2017
La Capitaneria di porto di Oristano ha sequestra oltre 2chilometri di reti da pesca trovate nella Zona di riserva integrale dell’Area marina protetta del Sinis-Isola di Mal di ventre
Sequestrate reti nell´Amp del Sinis


ORISTANO - Operazione della Guardia Costiera di Oristano che ha portato al sequestro di oltre 2chilometri di reti all’interno della Zona di riserva integrale dell’Area marina protetta del Sinis–Isola di Mal di ventre. Infatti, nella tarda mattinata di giovedì, la motovedetta Cp2101 della Guardia Costiera di Oristano è intervenuta per sequestrare e rimuovere dalla zona nord dell’Isola di Mal di ventre, proprio nella Zona di riserva integrale dell’Amp, due reti da posta per una lunghezza complessiva di oltre 2chilometri, scongiurando possibili ripercussioni sull’ecosistema marino.

Le operazioni si concludevano nel tardo pomeriggio di giovedì con il deferimento dei responsabili all’Autorità giudiziaria, in ossequio alle disposizioni vigenti. La zona di tutela integrale comprende la parte settentrionale dell’Isola di Mal di ventre e lo scoglio del Catalano, posto al centro di un quadrato con i vertici posti a mille metri dallo stesso in direzione dei quattro punti cardinali. La Zona di tutela integrale, denominata “A”, ha un elevato livello di protezione degli habitat e delle specie. Infatti, in essa è consentito l’accesso ai soli mezzi ed al personale autorizzati per la ricerca e la sorveglianza e, proprio per questo motivo, il livello di attenzione della Guardia Costiera di Oristano nel capillare controllo della zona è massimo.

La stessa attenzione è posta nell’attività preventiva e, accogliendo la richiesta dell’associazione della Cooperativa “Costa verde”, per infondere a tutti gli utenti del mare la consapevolezza dell’importanza del rispetto delle norme di sicurezza, questa mattina (venerdì), personale della Capitaneria di porto di Oristano ha partecipato ad una mattinata di divulgazione di notizie ed informazioni utili anche ad incrementare l’attenzione non solo verso il rispetto delle norme in materia di sicurezza dei bagnanti stimolando una maggiore consapevolezza delle insidie che possono sconvolgere gli esiti di una giornata al mare, ma anche rivolte al rispetto dell’ambiente marino e costiero.
Commenti
9:07
Oggi, una centralina mobile per l´analisi della qualità dell´aria dell´Arpas sarà portata a Quartu Sant´Elena nell´area interessata dalle esalazioni provenienti dal Parco di Molentargius
23/9/2017
Fumi Parco di Molentargius: la Regione autonoma della Sardegna al tavolo tecnico in Prefettura, per una soluzione operativa. «Le strutture regionali daranno la piena disponibilità alla ricerca di soluzioni»
© 2000-2017 Mediatica sas