Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariSaluteAnimali › Vaccini Lingua blu, Coldiretti soddisfatta
Red 3 ottobre 2017
Nel comparto bovini, richiesto l´acquisto di 20mila dosi di vaccino contro la Lingua Blu. «Siamo soddisfatti. Ora servono tempi rapidi», dichiarano i vertici della Coldiretti nord Sardegna
Vaccini Lingua blu, Coldiretti soddisfatta


SASSARI - «Accogliamo con favore la richiesta d'acquisto di 20mila dosi di vaccino, avanzata dagli assessorati regionali all'Agricoltura e alla Sanità e destinati al comparto bovino, contro la diffusione della Blue Tongue». Con queste parole, il presidente della Coldiretti nord Sardegna Battista Cualbu commenta l'iniziativa per lo sblocco della movimentazione dei bovini in Sardegna e verso il continente. «Ora servono tempi rapidi. Non possiamo permetterci di perdere segmenti importanti di economia legati alla commercializzazione del bovino e alle fiere».

Nel nord Sardegna, ci sono circa duecento allevamenti di bovini e solo in Gallura si contano 40mila capi adulti e 32mila nascite. Qui è localizzata la quasi totalità del patrimonio genetico e la presenza di tori, vacche e manzi di razza Limousine e Charolaise è pari a 5mila unità. Tenere ferma la movimentazione causa una perdita economica per il comparto di diversi milioni di euro, un crack inammissibile dopo una stagione estiva caratterizzata da una siccità persistente che ha fatto lievitare tutte le spese a carico degli allevatori.

La richiesta d'acquisto delle vaccinazioni a favore del comparto bovino arriva a pochi giorni di distanza dall'incontro promosso dalla Coldiretti nord Sardegna a Sant'Antonio di Gallura. In quell'occasione, la Coldiretti aveva portato all'attenzione dell'assessore regionale all'Agricoltura i tanti disagi sofferti dagli imprenditori per la diffusione della Lingua blu.

Nella foto: il presidente della Coldiretti nord Sardegna Battista Cualbu
Commenti
15/12/2017
Il picco di maggior criticità sanitaria è rappresentato dagli animali depopolati a Desulo dove oltre l’80% sono risultati sieropositivi e diversi casi virologici positivi, a conferma della reale presenza della malattia in maiali apparentemente sani
© 2000-2017 Mediatica sas