Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieoristanoCulturaAmbiente › Giardini storici, circuito in Sardegna
Red 6 ottobre 2017
Domenica, nasce a Santu Lussurgiu il circuito del “Giardini storici della Sardegna”. Nell´occasione, è in programma la firma del Protocollo d’intesa tra la Regione, i Comuni coinvolti e gli enti gestori
Giardini storici, circuito in Sardegna


SANTU LUSSURGIU - Un percorso di eccellenza per valorizzare il patrimonio botanico e storico di pregio di sette Comuni della Sardegna. E' l’obiettivo del progetto “Giardini storici di Sardegna”, che verrà presentato nel corso di un workshop in programma domenica 8 ottobre, a partire dalle 10,30, nella sala conferenze della Casa Donna Caterina di Santu Lussurgiu, in Via Bonaria 16.

E, proprio domenica, sarà la firma del Protocollo d’intesa tra la Regione, i Comuni coinvolti (il capofila Santu Lussurgiu, Bolotana, Cagliari, La Maddalena, Laconi, Milis e Sassari) e gli enti gestori a suggellare la nascita formale del “circuito” dei Giardini storici nell’isola, che ha l’obiettivo di rafforzare le reti dei Comuni sulla gestione dei beni paesaggistici, ampliare l’offerta relativa al turismo green e storico-culturale e valorizzare in ambito nazionale ed internazionale le risorse ambientali, paesaggistiche ed artistiche dei Comuni sardi.

Il workshop di avvio del progetto si aprirà con i saluti del sindaco di Santu Lussurgiu Diego Loi. Nel corso della mattinata, coordinati dalla giornalista Manuela Arca, sono previsti gli interventi di Antonino Soddu Pirellas (ricercatore del Comitato scientifico Giardini storici di Sardegna), Emanuela Rosa-Clot (direttrice della rivista Gardenia), Carlo Marcetti (docente di Economia del Turismo) e Giovanna Damiani (direttrice del Polo museale della Sardegna). Previsti anche i saluti dei sindaci e dei rappresentanti degli Enti aderenti alla rete dei Giardini storici. Le conclusioni saranno affidate all’assessore regionale del Turismo Barbara Argiolas.

Nella foto: l'assessore regionale Barbara Argiolas
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas