Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaLavoro › «Ati Ifras, Alghero solleciti la Regione»
S.O. 11 ottobre 2017
«La Sardegna al tempo della crisi è una terra che non può permettersi di perdere opportunità, che non può permettersi di perdere posti di lavoro né, tantomeno, di lasciare a spasso dei lavoratori». Odg M5S sugli ex Ati Ifras
«Ati Ifras, Alghero solleciti la Regione»


ALGHERO - «La Sardegna al tempo della crisi è una terra che non può permettersi di perdere opportunità, che non può permettersi di perdere posti di lavoro né, tantomeno, di lasciare a spasso dei lavoratori. E proprio la vicenda legata ai lavoratori Ati Ifras, emblematica in tal senso, deve essere risolta il prima possibile: con il nostro ordine del giorno chiediamo espressamente all’Amministrazione comunale di Alghero del sindaco Mario Bruno di intervenire in tal senso sollecitando il Consiglio regionale al reimpiego, rapido e necessario, dei suddetti lavoratori».

Graziano Porcu e Roberto Ferrara, portavoce in Consiglio comunale di Alghero del Movimento Cinque Stelle, facendo seguito a quanto fatto dal M5s a Sassari (ordine del giorno approvato all’unanimità), richiamano l’attenzione sulla spinosa questione che al momento è una spada di Damocle sulla testa di decine di famiglie sarde e non può non diventare priorità per chi governa la Sardegna e le sue città. «Analoga istanza è stata presentata a Sassari dai portavoce in Consiglio comunale del Movimento. Il sindaco e la sua Giunta non possono restare immobili di fronte a una vertenza che coinvolge oltre 60 unità lavorative del territorio (Porto Torres con il Parco dell'Asinara, Sassari con il territorio della Nurra e Alghero con il Parco di Porto Conte) e complessivamente circa 500 unità lavorative provenienti da ben 81 comuni sardi» affermano.

«Mario Bruno, come componente della Giunta della Rete Metropolitana del nord Sardegna - chiudono Ferrara e Porcu - deve necessariamente aprire un confronto all'interno della Rete Metropolitana stessa, al fine di coinvolgere le Amministrazioni comunali presenti in una battaglia giusta e fondamentale per tutelare la Sardegna, i suoi posti di lavoro e i suoi lavoratori. Speriamo che il Consiglio algherese, sulla scia di quanto fatto a Sassari, possa discutere quanto prima questo ordine del giorno in modo che anche il nostro sindaco possa far sentire la sua voce a riguardo in sede di rete metropolitana».
Commenti
17/10/2017
Rispondere al profluvio di comunicati imprecisi che arrivano dal centrodestra è un lavoro tanto noioso quanto inutile, ma quando tali comunicati finiscono per produrre informazioni errate e dannose per i cittadini non ci si può esimere dalla risposta
8:42
Dal lunedì al venerdì gli uffici del Centro impiego verranno aperti al pubblico dalle 9 alle 12 e il martedì e il giovedì anche nel pomeriggio dalle 15.30 alle 17. A loro disposizione cinque operatori in grado di rispondere alle esigenze di tutte le categorie di lavoratori e soggetti in cerca di occupazione del territorio
16/10/2017
Dura presa di posizione di Desirè Manca e Maurilio Murru in riferimento alla mancanza di comunicazione fra Sassari e Cagliari a discapito dei lavoratori: «Una pec della Regione Sardegna arriva al Comune di Sassari e nessuno la apre ma, soprattutto, nessuno si preoccupa del fatto che a Cagliari ad un tavolo di discussione così importante che affronta i temi del lavoro non c’è Sassari. Nessuno dice niente, nemmeno una telefonata. Ogni commento è superfluo, ma il fatto è grave, molto, e merita una spiegazione, subito»
16/10/2017
Il direttore generale dell’Agenzia, Massimo Temussi precisa che «la riapertura del Centro per l’impiego a Porto Torres è l’ennesimo tassello nella riorganizzazione del sistema di politiche attive per il lavoro che l’Aspal ha intrapreso dalla sua nascita, con la legge 9 del maggio dello scorso anno, che ha racchiuso sotto una gestione unitaria, con la regia regionale dell’Agenzia, tutti gli uffici territoriali del lavoro»
© 2000-2017 Mediatica sas