Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaLavoro › Ex Ati Ifras: tavolo in Regione
Red 12 ottobre 2017
Si è riunito ieri, sotto il coordinamento dell’assessore regionale degli Affari Generali Filippo Spanu, il Tavolo partenariale per l’attuazione delle politiche di reimpiego dei lavoratori dell’Area Parco geominerario provenienti dall’ex Bacino
Ex Ati Ifras: tavolo in Regione


CAGLIARI - Si è riunito ieri (mercoledì), sotto il coordinamento dell’assessore regionale degli Affari Generali Filippo Spanu, il Tavolo partenariale per l’attuazione delle politiche di reimpiego dei lavoratori dell’Area Parco geominerario provenienti dall’ex Bacino “Ati-Ifras”. Il Tavolo si è svolto alla presenza di tutte le rappresentanze sindacali, e degli Enti e strutture regionali con specifiche competenze nella gestione di questa fase transitoria. Spanu ha fatto il punto della situazione con riferimento all’inserimento lavorativo a tempo determinato.

La società Igea ha comunicato che all’11 ottobre sono stati assunti ventisei lavoratori, mentre per l’assunzione degli altri trentasei si è in attesa della disponibilità dei mezzi di lavoro ancora in possesso della società Ifras. Inoltre, la stessa Igea ha calendarizzato l'assunzione di altri 56 lavoratori: per dieci di loro, con la riserva della cantierabilità dei siti, l’assunzione è prevista il primo dicembre, mentre 46 saranno assunti entro fine 2017. Pertanto, il totale dei lavoratori assunti al termine della programmazione sarà di 118 unità. I progetti d’intervento che sono stati ammessi, sulla base del bando rivolto agli enti locali, sono sette, che si stima accoglieranno 222 lavoratori. Gli enti e le Amministrazioni locali interessate sono il Consorzio Parco Monte Arci (126 lavoratori); il Parco regionale naturale Porto Conte (venticinque); la Fondazione Cammino di Santa Barbara (venti), Domus Acqua (trentuno), l’Associazione Miniere Rosas (otto), il Comune Iglesias (undici), il Comune Gadoni (uno). Per accelerare il processo ed assumere i lavoratori entro la fine del 2017, sono previste attività ed assistenza da parte di Aspal. Sul progetto presentato dal Parco Geominerario, rappresentato nella riunione odierna dal Commissario Tarcisio Agus, è stata richiesta l’integrazione e la certificazione sulla capacità assunzionale. Pertanto nei prossimi giorni verrà sollecitato il parere al Ministero dell’Ambiente e garantita l’assistenza al Parco per poter adeguare il progetto e partecipare a nuova manifestazione di interesse. Il Tavolo, unanimemente, ritiene essenziale, già da questa fase, il coinvolgimento attivo del Parco.

In merito alle procedure di esodo, il 28 settembre, l’Insar ha incontrato le organizzazioni sindacali per condividere e concordare sia la bozza di accordo transattivo da definire con gli aderenti al piano dell’esodo, sia il calendario degli incontri per apporre le firma da parte dei rispettivi associati. Il piano dell’esodo prevede il coinvolgimento di 136 lavoratori. Il Tavolo partenariale ha anche preso atto della situazione rispetto ai pagamenti verso Ati Ifras ed ai crediti vantati verso la stessa società dai lavoratori. E’ stato assunto l’impegno di accelerare i pagamenti residui e nel contempo fare preliminarmente una verifica affinchè la società dia, come da norma, assoluta priorità al pagamento di tali crediti. Cgil Filcams, Cisl Fisascat, Uil Tucs e Ugl hanno assunto l’impegno per proporre alla società un accordo nel quale vengano confermati per iscritto gli impegni ed i tempi di liquidazione delle spettanze residue dei lavoratori.

Relativamente alle problematiche sull’integrazione salariale le parti sindacali hanno richiesto di poter valutare una soluzione integrativa per i lavoratori che stanno aderendo alla procedura di esodo. La Regione autonoma della Sardegna ha garantito una risposta, che perverrà per iscritto, prima della sottoscrizione dei verbali secondo il calendario allegato. Il Tavolo ha aggiornato i propri lavori a lunedì 6 novembre. L’assessore Spanu, al termine della riunione, ha incontrato i lavoratori che hanno dato vita al presidio davanti al palazzo della Regione. L'esponente della Giunta ha auspicato, in considerazione dei tempi indicati e delle prospettive delineate per le assunzioni, che gli stessi lavoratori possano sospendere le iniziative di protesta.

Nella foto: un momento dell'incontro
Commenti
17/10/2017
Rispondere al profluvio di comunicati imprecisi che arrivano dal centrodestra è un lavoro tanto noioso quanto inutile, ma quando tali comunicati finiscono per produrre informazioni errate e dannose per i cittadini non ci si può esimere dalla risposta
8:42
Dal lunedì al venerdì gli uffici del Centro impiego verranno aperti al pubblico dalle 9 alle 12 e il martedì e il giovedì anche nel pomeriggio dalle 15.30 alle 17. A loro disposizione cinque operatori in grado di rispondere alle esigenze di tutte le categorie di lavoratori e soggetti in cerca di occupazione del territorio
16/10/2017
Dura presa di posizione di Desirè Manca e Maurilio Murru in riferimento alla mancanza di comunicazione fra Sassari e Cagliari a discapito dei lavoratori: «Una pec della Regione Sardegna arriva al Comune di Sassari e nessuno la apre ma, soprattutto, nessuno si preoccupa del fatto che a Cagliari ad un tavolo di discussione così importante che affronta i temi del lavoro non c’è Sassari. Nessuno dice niente, nemmeno una telefonata. Ogni commento è superfluo, ma il fatto è grave, molto, e merita una spiegazione, subito»
16/10/2017
Il direttore generale dell’Agenzia, Massimo Temussi precisa che «la riapertura del Centro per l’impiego a Porto Torres è l’ennesimo tassello nella riorganizzazione del sistema di politiche attive per il lavoro che l’Aspal ha intrapreso dalla sua nascita, con la legge 9 del maggio dello scorso anno, che ha racchiuso sotto una gestione unitaria, con la regia regionale dell’Agenzia, tutti gli uffici territoriali del lavoro»
© 2000-2017 Mediatica sas