Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresAmbienteAmbienteSecco non conforme a Porto Torres
M.P. 12 ottobre 2017
Continuano i controlli su sacchi e mastelli del rifiuto indifferenziato delle utenze del Comune di Porto Torres. Molti gli adesivi gialli applicati per utilizzo delle attrezzature errate o di conferimenti impropri
Secco non conforme a Porto Torres


PORTO TORRES - Continuano i controlli su sacchi e mastelli del rifiuto indifferenziato delle utenze del Comune di Porto Torres. Molti gli adesivi gialli applicati per utilizzo delle attrezzature errate o di conferimenti impropri. «Nella maggior parte dei casi gli adesivi vengono applicati perché il rifiuto indifferenziato viene esposto usando il vecchio mastello o sacchi senza mastello. Per il servizio di raccolta questo è un problema perché non ci consente di effettuare la lettura delle vuotature dell’indifferenziato» afferma Elisa Gugino, referente per le attività di comunicazione con l’utenza di Ambiente 2.0, gestore del servizio di raccolta, e continua «è fondamentale che gli utenti utilizzino il nuovo mastello nero dotato della giusta tecnologia, quella che per intenderci con gli utenti chiamiamo microchip.»

Il Responsabile It per Ambiente 2.0, Valter Di Stefano spiega come viene effettuata la lettura. «I mastelli sono dotati di un tag Rfid in frequenza Uhf. In fase di consegna i mastelli sono stati associati all’utente intestatario della tassa: il tag, al quale è abbinato un codice alfanumerico, risulta quindi in capo all’utente. In fase di raccolta, l’operatore che vuota il mastello, effettua la lettura univoca del tag attraverso un lettore Uhf che ha al polso. Questa lettura viene registrata dal software che gestisce il sistema e immagazzinata nel database. Non è necessario che il mastello venga sollevato perché la lettura viene fatta avvicinandosi al tag senza rischio di letture improprie e doppie che il sistema scarta immediatamente”». La lettura delle vuotature ha lo scopo di fornire un dato sull’esposizione e il ritiro del rifiuto ma non è in questo momento legata al pagamento del tributo.

Per riconoscere il proprio mastello dopo che questo è stato vuotato e mischiato ad altri contenitori «durante la consegna dei mastelli agli utenti è stato fatto notare che non è possibile per loro leggere il codice contenuto nel tag. Per questo sul mastello è stato stampato un codice a barre con un numero di serie che l’utente può annotare per riconoscere il proprio mastello» ricorda Elisa Gugino. «Non è possibile per noi apporre sui contenitori, per questioni di privacy, il nominativo dell’utenza, ma se, in autonomia, un cittadino volesse scrivere sul mastello o dentro il mastello, il proprio nome per accelerare la verifica prima di riportarlo in casa, è liberissimo di farlo».
18/6/2018
Boom di iscrizioni all´evento di domenica 1 luglio. Il comprensorio militare che ospita il Faro sarà visitabile fino in vetta in occasione dell´appuntamento che prenderà il via da Casa Gioiosa, sede del Parco naturale regionale di Porto Conte
18/6/2018
In vigore da alcuni giorni il regolamento sull´utilizzo delle spiagge e dei litorali approvato a maggio dal consiglio comunale. Attivate anche sette aree fumatori, un info point e un´isola ecologica mobile
15:26
Sopralluogo del sindaco e dell´assessora all´Ambiente al Parco Baden Powell. Le squadre stanno operando anche all'ingresso della spiaggia di La Farrizza e lungo i sentieri costieri verso la zona di Balai Lontano
23:09
Nuovo appuntamento al Centro per l’educazione ambientale e la sostenibilità Lago Baratz per il progetto del Comune di Sassari e di Alea-Ricerca ambiente “I Venerdì del lago”
12:09
L´impegno del Comune di Sassari a favore della sostenibilità ambientale e per l´adattamento alle conseguenze dei cambiamenti climatici. Sono questi i temi di due incontri rivolti agli amministratori comunali, il primo dei quali si è tenuto in apertura dei lavori del Consiglio comunale, ieri pomeriggio, a Palazzo Ducale
18/6/2018
A tal proposito i portavoce del Movimento cinque stelle nei Consigli comunali di Sassari e Porto Torres hanno formalmente inviato al presidente del Consorzio industriale provinciale di Sassari una richiesta che invita la struttura ad iniziare a lavorare sul tema, con particolare riferimento alla centrale di Fiume Santo che attualmente brucia carbone
19/6/2018
I titolari delle attività commerciali possono recarsi presso la sede della società che gestisce il servizio di igiene urbana, situata lungo la Sp 34, per scegliere i contenitori adatti alle loro attività
18/6/2018
Si riapre il bando per la presentazione di due candidature per il ruolo di rappresentante del Comune di Porto Torres nella Commissione tecnica di controllo ambientale della centrale di Fiume Santo
© 2000-2018 Mediatica sas