Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariPoliticaScienze › La fisica nucleare ala Fiera di Cagliari
Red 14 ottobre 2017
Tappa nazionale nella terra dei progetti Aria e Sar-Grav. «Dalla Regione investimenti e massimo supporto», sottolinea il vicepresidente della Regione autonoma della Sardegna Raffaele Paci
La fisica nucleare ala Fiera di Cagliari


CAGLIARI - Il vicepresidente della Regione autonoma della Sardegna Raffaele Paci ha partecipato ieri (venerdì), alla Fiera di Cagliari, alla presentazione del Piano triennale 2018-2020 dell’Istituto nazionale di fisica nucleare. Proprio nella terra dei Progetti Aria e Sar-Grav, l’Infn ha scelto di confrontarsi sul suo futuro e condurre l’analisi della propria politica scientifica. «Entrambi questi progetti sono legati a teorie che hanno vinto il premio Nobel, e questo può dare visibilità e reputazione anche alla nostra regione - ha detto nei saluti iniziali Paci - La Sardegna è una terra di grande qualità della vita, di clima eccellente, di ambiente ottimo, di cultura, tradizioni e archeologia ma anche di tecnologia e innovazione. Ed è su tutto questo che vogliamo puntare, come dimostra bene il fatto di utilizzare altissima tecnologia e innovazione per riconvertire luoghi storici come le nostre miniere. Siamo un’isola, a volte difficile da raggiungere, ma vogliamo creare connessioni con le competenze, le idee, il capitale umano, i ricercatori che qui trovano un ecosistema ideale».

Il progetto Aria grazie ad un Accordo di programma tra Infn, Regione Sardegna, Carbosulcis, e con la collaborazione delle Università di Cagliari e Sassari, attuerà la conversione della miniera di Seruci, in chiusura, in un’infrastruttura tecnologicamente avanzata che riuscirà a produrre Argon 40 puro, necessario alle attività dell’esperimento DarkSide nel Gran Sasso. Anche per il secondo progetto, Sar-Grav, viene utilizzata una miniera, quella di Sos Enattos a Lula, dove ci saranno laboratori per lo studio delle onde gravitazionali ed esperimenti di fisica fondamentale.

«Come Regione siamo fortemente convinti di andare in questa direzione, stiamo investendo molte risorse economiche e supportando i progetti - ha assicurato il vicepresidente - Nel Piano delle infrastrutture, per esempio, il presidente Pigliaru ha insistito perché venissero messi 30milioni di euro per la ricerca di base fatta con le Università e i centri pubblici. Su questo vogliamo continuare a puntare: ricerca, innovazione e idee. Abbiamo una collaborazione con l’Inaf per il Radiotelescopio di San Basilio che ha seguito il tuffo della sonda Cassini, abbiamo il Joint Innovation Center di Huawei e Crs4 punto di riferimento italiano per le Smart and Safe city, abbiamo eccellenze e professionalità importanti, e imprese che vengono qui a investire e creare posti di lavoro. E quindi – ha concluso Paci – voglio ribadire e confermare in questa occasione che c’è la totale disponibilità della Regione a continuare la collaborazione su questi e altri progetti, per far diventare la Sardegna il punto centrale di incontro e confronto dei network internazionali di ricerca».

Nella foto: il vicepresidente regionale Raffaele Paci
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas