Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCulturaScuola › Saggi al Liceo Artistico di Sassari
Red 19 ottobre 2017
I laboratori di affresco con Costanzo Salis, voluti dal preside Angelo Fara e dal docente Giancarlo Catta, seguono antiche tecniche di pittura medievali e rinascimentali, e rientrano nell’ambito del progetto di Alternanza scuola-lavoro
Saggi al Liceo Artistico di Sassari


SASSARI – Gli studenti del Liceo Artistico di Sassari alla scoperta delle tecniche dell’affresco medievale e rinascimentale: realizzazioni complesse che richiedono velocità d’esecuzione, mano sicura e pochi ripensamenti nell’utilizzo del pennello. Per due giornate, ragazze e ragazzi delle classi terze, quarte e quinte dell’indirizzo di Pittura, sono stati impegnati in un progetto di Alternanza scuola-lavoro che ha coinvolto “la scuola” del maestro calcinaio Costanzo Salis, artigiano unico nel suo genere in Sardegna per la lavorazione della calce naturale con i metodi antichi. Salis ha realizzato i telaini sui quali ha adagiato uno strato di calce fresca, pronta per permettere agli allievi di realizzare le loro prime prove di affresco. Per affrontare questa prova, gli studenti si sono preparati in aula per diversi giorni, guidati dai docenti, per poi affrontare la fase della pratica nel cortile della scuola.

Il progetto è stato voluto dal preside Angelo Fara e dal docente Giancarlo Catta, che ha coordinato le attività e ha coinvolto gli insegnanti curriculari dell’indirizzo di pittura. «È stata un’occasione assolutamente preziosa – spiegano i professori – perché i tempi scolastici non consentono normalmente di lavorare in maniera continuativa su un unico elaborato, come invece siamo riusciti a fare in questo contesto. È stata una grande soddisfazione poter dare ai ragazzi l’opportunità di confrontarsi con aspetti dell’arte applicata al lavoro professionale».

C’è chi ha approfondito uno studio sulla realizzazione delle mani, chi ha cercato di riprodurre celebri dipinti della storia dell’arte, e chi ha dato sfogo alla fantasia con composizioni originali. Oltre alla calce, i giovani artisti hanno potuto utilizzare colori naturali costituiti da terre ed ossidi: bruni, ocra, blu oltremare, lapislazzulo e così via, ottenuti dalla frantumazione di rocce minerali e miscelazione con acqua. Nel corso delle attività, diversi alunni di altre classi dell’istituto ed alcune classi della scuola Media n.2 hanno fatto visita ai laboratori.

Nella foto: un laboratorio di affresco
Commenti
19:20
La segreteria cittadina del Partito dei Sardi si è riunita per esaminare il Programma triennale delle opere pubbliche 2017-2019 dove non sono previsti interventi di ristrutturazione dei vari plessi scolastici del comprensivo 1
15:08
L´Istituto di istruzione superiore Enrico Fermi partecipa al concorso nazionale “Nessuno parli... Un giorno di scuola: musica e arte oltre la parola”
© 2000-2017 Mediatica sas