Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPolitica › Nuova Maggioranza per Alghero | Foto
M.V. 2 novembre 2017
Intesa programmatica e rilancio. Partito Democratico, Partito dei Sardi, Mdp, Campo Progressista, Democratici per Alghero, Sinistra Civica, Lista X Alghero, e il consigliere del Gruppo Misto Alessandro Nasone, chiedono al sindaco di Alghero il ritiro delle dimissioni. Ecco il documento
Nuova Maggioranza per Alghero | Foto


ALGHERO - Si sblocca la situazione politica in città: dopo la convergenza programmatica tra Democratici [LEGGI], arriva l'appello che, a questo punto, anticipa l'intesa ormai ad un passo. Guardare oltre la rottura del 2014, con una chiara priorità, il rilancio dell'azione politico e programmatica: Partito democratico, Partito dei Sardi, Mdp, Campo Progressista, Democratici per Alghero, Sinistra Civica, Lista X Alghero e il consigliere del Gruppo Misto Alessandro Nasone, chiedono al sindaco di Alghero «di rivedere e valutare il ritiro delle dimissioni, in quanto modificato il quadro politico che le ha generate».

E' la richiesta, forte, contenuta nel documento unitario sottoscritto da tutti i partiti e gruppi consiliari che si riconoscono nell'azione politica della coalizione di Centrosinistra e Indipendentista democratica. Da parte di tutti, infatti, è emersa la necessità di superare le divisioni e guardare insieme e uniti alle importanti sfide elettorali dei prossimi mesi a livello nazionale, regionale e locale. Così i partiti prendono atto dell'insuccesso dell'alleanza politica scaturita dal voto del 2014, e della conclusione dell'esperienza che vedeva insieme forze politiche di sinistra, liste civiche, Udc e Upc. «Oggi ci sono le condizioni perchè, con il contributo di tutte le forze politiche e civiche che si riconoscono nel Centrosinistra sovranista, ci possa essere una responsabilità comune a un rilancio dell'azione politico programmatica dell'amministrazione comunale» si legge nella nota.

Per tutti fondamentale è partire dalla condivisione programmatica: il varo del Puc, Pul, Piano delle Borgate, riscossione dei tributi, la razionalizzazione degli immobili pubblici, la revisione profonda della governance delle partecipate, sono i nodi imprescindibili per uno sviluppo della città al servizio del nord-ovest dell'isola come lo sono scelte strategiche sul modello di sviluppo e sugli strumenti necessari, dal parco, al porto e all'aeroporto. «L'obbiettivo comune è quello di un rilancio economico e sociale di Alghero che può e deve diventare un centro strategico per lo sviluppo dell'intero territorio del Nord della Sardegna».

E la chiusura: «Tutto ciò può avvenire meglio se a governare la città nel proseguo della legislatura vi sarà un sindaco, con una maggioranza politica in consiglio comunale, in relazione con il governo regionale e del territorio, e non un commissario. Un sindaco che senta profonda la responsabilità di condividere le scelte e relazionarsi per una fase totalmente nuova e con un progetto di governo condiviso con le liste civiche e le forze politiche che si riconoscono nel Centrosinistra sovranista di Alghero e della provincia di Sassari».

Nella foto: i consiglieri della nuova Maggioranza ad Alghero
20:25
Il Giudice per le Udienze Preliminari deciderà se mandare a processo i 30 consiglieri ed ex della XIII legislatura (2004-2009) chiamati in causa dal Pm Cocco. In caso di processo si prevedono tempi lunghi per le prime sentenze
21/11/2017
Il coordinatore regionale dei Riformatori Sardi, Pietrino fois, rilancia dalla città di Alghero la battaglia per chiedere con forza il principio di insularità in Costituzione
20/11/2017
Si è appena conclusa la prima settimana del Partito Democratico a Sassari, con il confermato segretario provinciale Giampiero Cordedda ed il segretario cittadino Gianni Carbini
© 2000-2017 Mediatica sas