Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariEconomiaAssociazionismo › Mirko Murgia confermato in Confapi Sardegna
Red 11 novembre 2017
«Servono idee nuove e scelte coraggiose», ha dichiarato il presidnte, appena confermato all´unanimità per i prossimi tre anni alla guida dell´associazione
Mirko Murgia confermato in Confapi Sardegna


CAGLIARI - Mirko Murgia è stato confermato per i prossimi tre anni alla guida della Confapi Sardegna. Il presidente regionale è stato eletto ieri (venerdì), all’unanimità, al termine dell’assemblea che si è tenuta nella sede di Via Caprera, a Cagliari. A sceglierlo, il Consiglio direttivo regionale, anch’esso rinnovato e costituito da venticinque componenti, rappresentanti delle imprese associate. Termina così il percorso cominciato con il rinnovo degli organismi territoriali, che ha visto nei comitati di tutta la Sardegna, l’ingresso di rappresentanti giovani, nuova linfa per l’associazione.

Nel suo intervento, Murgia, 40enne imprenditore turistico di Posada, ha ripercorso le azioni messe in campo dall’associazione negli ultimi anni e la presenza costante ai tavoli istituzionali: «Abbiamo partecipato alla stesura del piano energetico regionale, che sono convinto aprirà spazi di investimento e di profitto per le nostre imprese sull’efficientamento energetico, sul progetto di metanizzazione della Sardegna, sull’uso intelligente delle rinnovabili - ha sottolineato il presidente - abbiamo partecipato attivamente alla cabina di regia del piano triennale per l’internazionalizzazione della Regione e ne abbiamo fatto tesoro per costruire due brillanti progetti per le nostre imprese, anche in collaborazione con l’Aniem, partecipiamo alla programmazione e al monitoraggio dei fondi comunitari destinati allo sviluppo economico e al lavoro e abbiamo dato il nostro contributo sulla legge urbanistica regionale, cercando di proporre soluzioni di equilibrio fra la tutela delle risorse ambientali e lo sviluppo economico».

Sui prossimi passi, il presidente ha le idee chiare, in particolare sulla necessità di concentrare l’attenzione sui territori «ancora troppo trascurati e ignorati». «A partire da Sassari, per esempio, dove c’è in campo il rilancio del polo industriale di Porto Torres, il ruolo della città come area metropolitana, il rilancio dell’aeroporto di Alghero - ha proseguito Murgia - o ancora la Sardegna centrale, su cui gli strumenti di finanza pubblica non possono essere sufficienti a definire un modello di sviluppo che sconta carenze infrastrutturali ma anche carenze in termini di nuova classe imprenditoriale».

E ancora di più il Sulcis, «che paga negli animi delle persone più che nelle dinamiche economiche un vecchio processo di industrializzazione che negli ultimi quindici anni è stato maldestramente supportato dalle politiche pubbliche. Io penso che occorra essere molto coraggiosi dinanzi a queste realtà - ha concluso il confermato presidente - per esempio pensando a un piano straordinario per il turismo che permetta di realizzare posti letto in un territorio che non potrà mai svilupparsi in questo comparto fino a che non ci sarà la possibilità di dormirci».

Nella foto: il presidente Mirko Murgia
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas