Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaRegione › La doppia preferenza di genere entra in Aula
Red 14 novembre 2017
Oggi, la Commissione regionale per le Pari opportunità, nell’esercizio delle proprie funzioni istituzionali, assisterà all’esame del Consiglio regionale del Testo unificato sulla doppia preferenza di genere
La doppia preferenza di genere entra in Aula


CAGLIARI - «Martedì 14 novembre, la Commissione regionale per le Pari opportunità, nell’esercizio delle proprie funzioni istituzionali, assisterà all’esame del Consiglio regionale del Testo unificato sulla doppia preferenza di genere. Auspichiamo che la Sardegna, nel consenso del Consiglio regionale, da domani si doti di strumenti elettivi che garantiscano vere opportunità di eguaglianza di genere».

A dichiararlo è la presidente della Commissione Gabriella Murgia, che prosegue: «Chiediamo ai diversi schieramenti politici di procedere senza ulteriore ritardo alla modifica della Legge Statutaria elettorale 12.11.2013, con l’introduzione della doppia preferenza di genere, in modo che ogni elettore possa esprimere due preferenze distinte, una per le candidate di sesso femminile ed un’altra per i candidati di sesso maschile, a prescindere da ogni altra eventuale modifica della legge. Solo così si renderà effettivo il diritto di tutti i cittadini e di tutte le cittadine di avere piena e totale pari opportunità nell'esercizio dell'azione politica già dalle prossime elezioni».
Commenti
15:42
L´Are è la più grande rete indipendente di regioni in tutta l´Europa, che rappresenta 150 territori, con più di 270 componenti appartenenti a 33 Paesi e 16 organizzazioni interregionali. «Nuove opportunità di scambio ed esperienze», sottolinea il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru
18:21
«Indispensabile unire le forze e chiudere il progetto entro l´anno», ha dichiarato l´assessore regionale della Programmazione Raffaele Paci, in materia di Zone interne e spopolamento
© 2000-2018 Mediatica sas