Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteAmbiente › Ecco la pineta nascosta di Alghero
A.S. 17 novembre 2017
Lo straordinario lavoro in corso nell´ultimo tratto alberato di Maria Pia, fa riemergere un nuovo tratto pinetato di straordinario valore ambientale
Ecco la pineta nascosta di Alghero


ALGHERO - Se è vero che il polmone verde di Maria Pia che ricollega la città di Alghero a Fertilia, ricompreso tra le il mare e le dune sabbiose da una parte, la laguna del Calich dall'altra, presenta caratteristiche uniche, conferendo al territorio un valore turistico-ambientale che poche città di mare possono vantare, l'opera di riqualificazione in corso contribuirà certamente a valorizzare la città. E' in corso, infatti, un importante lavoro di recupero e ripristino della funzionalità della pineta, in collaborazione tra Ente Foreste della Sardegna e Comune di Alghero, Assessorato al verde e decoro.

Nove operai al lavoro per interventi che già dai primi giorni stanno mostrando i risultati, come nel caso della parte finale della Pineta, verso il Palazzo dei Congressi, dove è in atto un “diradamento selettivo” che ha permesso di riportare alla luce una parte dell’area inagibile a causa dell’incuria pluriennale. Interventi, inoltre, sulle palme messe a dimora lungo il litorale, con funzione di barriera contenitiva della spiaggia adiacente.

Le operazioni sono finalizzate da un lato a migliorare la stabilità della pineta e dall’altro ad attivare i processi di rinaturalizzazione della stessa. Il progetto prevede inoltre interventi di recupero danni e di eliminazione di soggetto a rischio di schianti; interventi di riduzione della biomassa per la prevenzione incendi nelle aree a maggior rischio (aree a fruizione turistica); interventi di controllo ed eradicazione di specie alloctone. Tra i diversi interventi la priorità è stata accordata alla messa in sicurezza delle aree a fruizione turistica mediante l’eliminazione delle piante instabili.
Commenti
20/7/2018
I falchi potranno essere utilizzati per l’allontanamento volatili in tutti i luoghi pubblici o privati in qualsiasi periodo dell’anno. Lo ha deciso martedì la Giunta regionale, su proposta dell’assessore della Difesa dell’ambiente Donatella Spano
19/7/2018
In fondo, ogni bene pubblico necessità di costanti risorse per garantirne la salvaguardia, e se questi fondi non possono essere reperiti da introiti come suolo pubblico o parcheggi a pagamento, come nel caso dei bastioni, il biglietto d’ingresso diventa una delle poche strade percorribili
© 2000-2018 Mediatica sas