Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieolbiaSportAutomobilismo › Rally Terra Sarda diventa gara di Coppa Italia 2018
Red 20 novembre 2017
Una delle gare di rally più amate e apprezzate dell’isola entra a far parte delle competizioni italiane più titolate. Ieri l’annuncio a Tempio del riconoscimento del rally da sempre al vertice nel settore delle corse su strada in Sardegna
Rally Terra Sarda diventa gara di Coppa Italia 2018


TEMPIO PAUSANIA - Soddisfazione, gioia, orgoglio. Alla Porto Cervo Racing team, l´atmosfera in questi giorni è davvero di grande festa. La scuderia, a pochi giorni dalla sesta edizione del Rally Terra sarda Città di Arzachena Rally della Gallura–Anglona e Bassa Valle del Coghinas, ha ricevuto la notizia della promozione per l’edizione 2018 (ancora da calendarizzare), entrando a far parte di una delle quattro gare valevoli per la Coppa Italia zona Centro. «Un grande traguardo, una grande soddisfazione e motivo di orgoglio - dichiara il presidente della scuderia Mauro Atzei nello Spazio Faber di Tempio - Un orgoglio che deve essere dell'intera Isola, di tutto lo sport sardo, di ognuno che ama i rally. E’ un passo avanti, questo del Rally Terra Sarda che diventa gara di Coppa, che incoraggia a fare ancora meglio, dopo sei anni dalla nascita come una semplice ronde. Per merito dell´impegno di tutto la staff e grazie anche agli appassionati dell'intera Isola, siamo riusciti a raggiungere un primo risultato importante. Nei tanti anni di lavoro siamo cresciuti, abbiamo creato un sistema fatto di persone straordinarie, realtà economiche e territoriali e preparare l´evento all’arrivo in una serie tricolore».

Intano, si affinano i dettagli per la gara che avrà inizio sabato 25 novembre. A Tempio Pausania, sabato mattina, il sindaco Andrea Biancareddu e l'assessore comunale allo Sport Gianni Addis hanno organizzato un incontro per presentare ai loro appassionati, i dettagli di un appuntamento che si preannuncia ricco di sorprese. Gli amministratori hanno riconosciuto il valore agonistico del Rally Terra Sarda, ma anche la sua vocazione turistica. «E’ il nostro un territorio che ha una lunga e onorata tradizione rallistica – ha detto il primo cittadino - e che ancora oggi ha il desiderio di mostrare le sue potenzialità sportive e turistiche». Presenti, i rappresentanti ventisei Comuni: Aglientu, Aggius, Arzachena, Badesi, Bortigiadas, Bulzi, Calangianus, Chiaramonti, Erula, Laerru, Luogosanto, Luras, Martis, Nulvi, Olbia, Osilo, Palau, Perfugas, Tempio Pausania, Santa Maria Coghinas, Sant’Antonio di Gallura, Santa Teresa Gallura, Sedini, Tergu, Trinità d’Agultu e Vignola, Viddalba con i loro sindaci, vicesindaci ed assessori. La scuderia, le Amministrazioni pubbliche e gli operatori economici, insieme hanno riconosciuto all’unisono il grande valore dell’evento. Nella Spazio Faber di Tempio hanno celebrato l’idea di una scuderia che per quest’edizione, ha pensato di fare le cose in grande con ventisei paesi e città che contribuiranno a rendere ancora più esaltante questa gara che è anche tappa del Sardegna Rally cup.

Oltre ai premi di rito, ben sei i trofei in palio: il Trofeo Costa Smeralda, al vincitore del rally; il Trofeo Marcello Orecchioni, riservato al navigatore dell’equipaggio ultimo arrivato; il Trofeo Mak, per il miglior salto all’Abbiadori nella prova di Porto Cervo; il Trofeo Aido, all’equipaggio che si distinguerà maggiormente nello show della parte finale nella prova Luogosanto-Aglientu; il Trofeo Costa Rossa Trinità, al miglior salto nella prova Aggius-Trinità; il Trofeo Acque Termali di Casteldoria, per i migliori tempi delle due prove speciali di Santa Maria Coghinas–Anglona nella classe più numerosa presente nel rally. Occhi puntati sul vincitore della precedente edizione l’equipaggio formato da Maurizio Diomedi (fresco trionfatore della Coppa Italia 3 zona, ha in bacheca due vittorie) con Mauro Turati sulla Ford Fiesta R5 curata dal Team Step five. Un altro dei grandi attesi sul podio è Vittorio Musselli (padrone di casa a Tempio, che per la prima volta sarà navigato da Claudio Mele su Skoda Fabia R5 curata da Colombi), che non ha nascosto la sua emozione nell’avere Tempio sede di verifiche, partenza e shakedown: “è molto particolare essere qui, vedere presentato il rally a casa. Sono felicissimo di partire da Tempio, di affrontare le strade che conosco da sempre. Spero di portare a fine manifestazione, la mia macchina sul podio e di regalare alla mia città, una vittoria. Lo sport è esser tutti uniti è mostrare che si può esserlo. Il giorno che mi dimenticherò tutto questo resterò a casa”. Non mancano i grandi nomi provenienti dalla Penisola, primi tra tutti, entrambi su Ford Fiesta R5, Carlo Berchio con Giancarla Guzzi, Michele Sassano con Tania Bertasini, Stefano Dogliotti con Mirco Perrone, Francesco Zicari con Andrea Bruzzone, Matteo Ciulli con Alessio Migliorati, Mauro Cornero con Paolo Piccardo e Giovanni Santin con Ivo Galletto. Non mancheranno i vincitori del Trofeo Yokohama 2016 Igor Nonnis con Fabrizio Musu. Grande attesa per gli altri piloti di casa, tra cui Ronnie Caragliu con Gianfranco Tali ed Alessandro Spezzigu con Marco Demontis (entrambi gli equipaggi con il Super 2000), Santino Ruzittu con Gian Mario Frau, Marco Casalloni con Massimiliano Frau, Antonio Pirina con Fabio Atzeni, Cristian Uscidda con Fabio Salis e Marco Canu con Carlotta Piras. Tanti altri gli equipaggi già iscritti, altri hanno tempo per iscriversi alla gara entro ad oggi (lunedì).
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas