Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaPoliticaElezioni › Doppia preferenza di genere: Cucca per il Si
Red 21 novembre 2017
«La doppia preferenza di genere dovrà essere approvata dal Consiglio regionale senza ulteriori tentennamenti e senza ricorrere a subdole operazioni machiavelliche», dichiara il segretario regionale del Partito Democratico Giuseppe Luigi Cucca
Doppia preferenza di genere: Cucca per il Si


CAGLIARI – «La doppia preferenza di genere dovrà essere approvata dal Consiglio regionale senza ulteriori tentennamenti e senza ricorrere a subdole operazioni machiavelliche. Se in Commissione non si dovesse raggiungere l’intesa sulla composizione paritaria delle liste e sulla ripartizione dei seggi, sarà comunque possibile procedere al voto del singolo emendamento, rinviando gli altri aspetti ad un esame più approfondito in sede di approvazione della nuova legge elettorale».

Il segretario regionale del Partito Democratico Giuseppe Luigi Cucca, alla vigilia del voto in aula, ribadisce la sua posizione sulla doppia preferenza di genere, già espressa in altre occasioni e nelle sedi di partito, confidando sul voto favorevole a larga maggioranza, non solo all’interno del Centrosinistra. «Auspico che il percorso di questa legislatura continui all’insegna delle riforme e del rinnovamento - prosegue Cucca - Anche il principio della parità di genere nella rappresentanza politica, infatti, è un aspetto importante che va nella direzione del progresso perché conferisce maggiore democraticità alle istituzioni».

«La mancata approvazione - conclude il segretario – sarebbe una sconfitta per la Sardegna, e una regressione culturale che rischierebbe di compromettere l’immagine della nostra regione nello scenario nazionale, dove il principio delle pari opportunità tra uomini e donne nell’accesso alla vita politica è garantito da un articolo della Costituzione che ha trovato attuazione nelle istituzioni nazionali, Governo e Parlamento, e in molte regioni».
Commenti
© 2000-2017 Mediatica sas