Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieolbiaCronacaArresti › Eroina in auto: due romani in manette
Red 23 novembre 2017
I Carabinieri della Sezione Radiomobile del Reparto Territoriale di Olbia hanno arrestato un 24enne, già noto alle Forze di polizia, ed una 18enne, ritenuti responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare eroina
Eroina in auto: due romani in manette


OLBIA - I Carabinieri della Sezione Radiomobile del Reparto Territoriale di Olbia hanno arrestato un 24enne romano, già noto alle Forze di polizia, ed una 18enne, anche lei romana, ritenuti responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare eroina. Nel corso dei servizi giornalieri di controllo del territorio, una pattuglia ha fermato l’autovettura guidata dall’uomo, avendo notato che lo stesso non indossava la cintura di sicurezza.

Nel corso del controllo, i militari hanno subito constatato un atteggiamento nervoso e irrequieto da parte del giovane, che è aumentato dopo aver dato delle vaghe risposte alla richiesta del motivo per cui si trovassero in Sardegna. Insospettiti dal comportamento, i Carabinieri hanno deciso di procedere ad un controllo del bagagliaio dell’autovettura, accorgendosi subito che in un’intercapedine creata ad hoc tra le plastiche del portellone erano stati nascosti tre involucri in cellophane contenenti in totale 1,5chilogrammi di una sostanza che si è successivamente rivelata essere eroina.

Per entrambi sono quindi scattate immediatamente le manette e sono stati successivamente accompagnati nel carcere di Bancali, dove dovranno restare a disposizione della competente Autorità giudiziaria con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
19:08
I Carabinieri della Stazione di Mamoiada e di Olbia, con i colleghi del Nucleo Operativo della Compagnia di Nuoro, hanno eseguito un ordine per l’esecuzione della carcerazione nei confronti di un mamoiadino, da anni domiciliato ad Olbia, che dovrà espiare la pena di dieci anni e sei mesi reclusione per reati di lesioni aggravate, minacce, violazioni di domicilio, violenza sessuale e porto illegale di armi
© 2000-2018 Mediatica sas