Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaLavoro › Lsu a rischio, Wheeler: «non sono in grado di stabilizzarli»
Mariangela Pala 23 novembre 2017
Suona come un colpo di scure la risposta del sindaco Sean Wheeler all’interrogazione presentata dal consigliere del Partito democratico Massimo Cossu durante l’ultima seduta del consiglio comunale
Lsu a rischio, Wheeler: «non sono in grado di stabilizzarli»


PORTO TORRES - «Non sono in grado di confermare o garantire la continuità lavorativa dei lavoratori socialmente utili». Suona come un colpo di scure la risposta del sindaco Sean Wheeler all’interrogazione presentata dal consigliere del Partito democratico Massimo Cossu durante l’ultima seduta del consiglio comunale. Il quesito posto per conoscere se fosse intendimento della amministrazione procedere alla stabilizzazione dei due lavoratori Lsu che da anni prestano servizio presso l’Ente, ha avuto una risposta negativa.

Il primo cittadino ha affermato la necessità di sostituire le persone destinate al pensionamento con altre «rendendole più funzionali possibile perché ci sono interi settori improduttivi per mancanza di figure professionali». Un piano di reclutamento integrativo rispondente alle esigenze organizzative dove pare non ci sia spazio per gli Lsu. «Io rispondo come risposi vari mesi fa quando fui convocato dall’assessore regionale al lavoro Virginia Mura in merito a questa disposizione palesando che avevamo in prospettiva una situazione che comprometteva l’operatività del comune – aggiunge il sindaco - ovvero che saremo andati incontro ad una serie di dismissioni e di pensionamenti di soggetti che lavorano per l’ente e che a fronte di questa indisponibilità anche qualificata di personale non eravamo in grado, per le leggi che vigono, di poter sostituire adeguatamente il personale che veniva a mancare».

Con la riforma della Pubblica amministrazione e l'entrata in vigore del "decreto Madia" sono in arrivo le linee guida sulle stabilizzazioni. Il 22 giugno infatti è entrato in vigore il decreto di riforma del lavoro pubblico, (dlgs 25 maggio 2017, n. 75), che nel quadro della più ampia delega in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche punta all'obiettivo dichiarato di ridurre il precariato nella Pa.

«Non capisco al sua risposta, - contesta il consigliere Cossu – lei ammette prima di avere una mancanza di personale cronico al quale si aggiungono alcuni dipendenti che andranno in pensione, mentre abbiamo delle linee guida ben precise che per i primi cinque anni danno la possibilità di assumere a costo quasi zero e dice che non possiamo assumerle. Avrei sperato in un maggiore senso di responsabilità - prosegue l’esponente Pd - perchè parliamo di due padri di famiglia che hanno bisogno di lavorare e da lei mi sarei aspettato almeno un contratto a tempo determinato per i prossimi cinque anni. Invece lei che dovrebbe comportarsi da buon padre di famiglia continua a non dare risposte a persone che vedranno scadere il proprio contratto il 31 dicembre prossimo». Ci sarebbero, infatti, i fondi che la Regione mette a disposizione per la stabilizzazione dei due Lsu per 5 anni, come da comunicazioni effettuate a gennaio 2017 dalla Ras.
18:19
«A brevissimo, interlocuzioni con Invitalia e Mise», ha assicurato il presidente della Regione autonoma della Sardegna ai rappresentanti dalle organizzazioni sindacali provinciali di Cgil, Cisl, Uil per discutere delle problematiche del sito industriale
15:48
Chiamata di imbarco per un piccolo di camera sul traghetto Sharden della compagnia di navigazione Tirrenia
13/12/2017
Con l’approvazione, questo pomeriggio, da parte della Giunta regionale, del Piano di incorporazione dell’Ipab San Giovanni Battista di Ploaghe, i 127 lavoratori a tempo indeterminato della struttura socio-sanitaria passano definitivamente all’Ats
© 2000-2017 Mediatica sas