Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCronacaArresti › Caso Jezabel: capi organizzazione estradati in Italia
Red 25 novembre 2017
L’operazione, condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo provinciale di Sassari e coordinata dalla Procura della Repubblica di Tempio Pausania, comprendeva la notifica di sei misure di custodia cautelare in carcere, la sottoposizione di altri sette indagati all’obbligo giornaliero di presentazione alla Polizia Giudiziaria ed il sequestro di cinque appartamenti
Caso Jezabel: capi organizzazione estradati in Italia


SASSARI - Erano sfuggiti alla cattura, il 14 giugno, i coniugi che gestivano le fila di una vasta rete di case d’appuntamento in tutta l’Isola. L’Operazione Jezabel, condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo provinciale di Sassari e coordinata dalla Procura della Repubblica di Tempio Pausania, comprendeva la notifica di sei misure di custodia cautelare in carcere, la sottoposizione di altri sette indagati all’obbligo giornaliero di presentazione alla Polizia Giudiziaria ed il sequestro di cinque appartamenti (due ad Olbia, uno a Sassari, uno a Selargius ed uno a Monserrato). Al momento dell’esecuzione delle ordinanze, tutti gli indagati erano stati localizzati tranne la coppia romena che, già da qualche mese, si era spostata all’estero.

I due, che risultano tuttora indagati per associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione, su proposta dei Carabinieri del Comando provinciale di Sassari erano pertanto divenuti destinatari di un mandato di arresto europeo emesso dall’Autorità giudiziaria di Tempio Pausania ed esternalizzato attraverso i canali governativi. L’ininterrotto scambio informativo con le Polizie straniere, nei primi giorni di novembre, ha consentito al Servizio centrale di cooperazione internazionale Forze Polizia di localizzare i ricercati nel loro paese d’origine e di sottoporli alla misura precautelare del Mae.

Ieri mattina (venerdì), sotto scorta, sono partiti da Bucarest con due distinti voli speciali del Governo italiano e sono atterrati, rispettivamente, negli aeroporti internazionali di Roma-Fiumicino e di Roma-Ciampino. Appena giunti in territorio nazionale, ai due è stata subito notificata l’ordinanza di misura cautelare in carcere, che i militari del Nucleo Investigativo avevano già predisposto a definizione della procedura di estradizione. Al momento, la coppia si trova ristretta nella Casa circondariale di Roma-Rebibbia, in attesa dell’interrogatorio di garanzia, che verrà espletato nei prossimi giorni.
15/12/2017
Dopo una fuga il malvivente è stato rintracciato e fermato dalla pattuglia, mentre il secondo soggetto è stato da subito accompagnato presso il locale pronto soccorso per aver ingerito, alla vista dei militari, l’involucro di eroina appena acquistato
12:34
I militari della Squadra Cinofili della Guardia di finanza del locale Gruppo, in un servizio volto alla repressione del traffico e spaccio di sostanze stupefacenti nei principali punti di accesso del capoluogo gallurese, hanno arrestato un 26enne, residente in Sardegna, trovato in possesso di marijuana
© 2000-2017 Mediatica sas