Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariCronacaSanità › Cistectomie radicali senza anestesia
Red 27 novembre 2017
Eseguite nel reparto di Urologia trapianto renale e Chirurgia robotica dell´Ospedale Brotzu le prime cistectomie radicali senza anestesia generale. «L'Ospedale Brotzu dimostra ancora una volta che la collaborazione tra team di elevata qualità possa regalare ai pazienti sempre nuove opportunità di cure»
Cistectomie radicali senza anestesia


CAGLIARI - «L'Ospedale Brotzu dimostra ancora una volta che la collaborazione tra team di elevata qualità possa regalare ai pazienti sempre nuove opportunità di cure». Sono state eseguite nel reparto di Urologia trapianto renale e Chirugia robotica del Brotzu di Cagliari le prime cistectomie radicali senza anestesia generale.

L'asportazione totale della vescica e la sua ricostruzione con parti di intestino, è necessaria per curare il tumore infiltrante della vescica. Questo intervento viene normalmente eseguito in tutti i centri di Urologia in anestesia generale. Esistono però pazienti affetti da tumore della vescica e contemporaneamente da gravi patologie cardiorespiratorie che, se eseguono l'intervento in anestesia generale, hanno un alto rischio post operatorio e la necessità di ricorrere a una lunga degenza in terapia intensiva.

Grazie alla collaborazione del team degli urologi diretto da Mauro Frongia e dal team degli anestesisti diretto da Fortunato Deplano è stato possibile eseguire due cistectomie radicali, una delle quali con ricostruzione completa della vescica, ricorrendo ad una anestesia loco regionale complessa supportata da analgosedazione. In particolare, l'anestesista Sara Ottalevi ha messo a punto un'anestesia loco regionale capace di controllare l'analgesia profonda per la chirurgia pelvica ed intestinale, che ha consentito di portare a termine i due interventi senza alcuna complicazione. «Pensiamo che questa tecnica possa aprire la strada della terapia chirurgica a tutti quei pazienti con gravi problemi cardiorespiratori fino a oggi esclusi dalla lista operatoria per l'alto rischio», dichiara Frongia.
Commenti
14:41
Anche quest’anno, le città italiane si illuminano di viola per accendere i riflettori su un “killer silenzioso” ancora troppo poco conosciuto: si stima che nel 2030 il tumore al pancreas sarà la seconda causa di morte per neoplasia al mondo. La città di Alghero aderisce illuminando di viola il bastione del Forte della Maddalena
22:19
«L’ospedale di Alghero deve avere la Rianimazione e mantenere il reparto di Otorino», ha dichiarato il consigliere regionale del Partito democratico Raimondo Cacciotto. Inviata una lettera al presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru ed all’assessore regionale alla Sanità Luigi Arru
12/11/2018
È stata realizzata grazie all´iniziativa del gruppo “Donne libere in lotta per il diritto alla salute”. Aprirà venerdì, nei locali della struttura al terzo piano di Malattie infettive e metterà a disposizione oltre ottocento volumi
13/11/2018
Il consigliere regionale del Partito democratico Raimondo Cacciotto interviene sulla necessità di accreditare la struttura sassarese al sistema sanitario regionale
12/11/2018
«Verranno trovate le soluzioni per salvare una struttura sanitaria fondamentale», ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale, intervenendo questa mattina a Sassari alla manifestazione di protesta indetta dalle Segreteria territoriali di Fp Cgil, Cisl Fp ed Uil Fpl per impedire la chiusura del nosocomio cittadino
12/11/2018
Il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, l´assessore regionale della Sanità Luigi Arru ed i rappresentanti dell´unità di progetto hanno incontrato quarantotto allevatori emersi dall´irregolarità
13/11/2018
«La Regione cancelli la revoca della convenzione e salvaguardi le prestazioni nella struttura. Pronto il partner per ripartire», dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale
© 2000-2018 Mediatica sas