Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziecagliariSportCalcio › Coppa Italia: Cagliari eliminato
Red 28 novembre 2017
Finisce l’avventura dei rossoblu nella Tim Cup 2017-18. Alla Sardegna Arena il Pordenone si impone per 1-2 nel match valido per il quarto turno. Capitan Dessena ha replicato subito alla rete di Maza, ma il gol di Bassoli a metà ripresa è stato decisivo
Coppa Italia: Cagliari eliminato


CAGLIARI - Finisce l’avventura del Cagliari nella Tim Cup 2017-18. Alla Sardegna Arena, il Pordenone si impone per 1-2 nel match valido per il quarto turno. Capitan Dessena ha replicato subito alla rete di Maza, ma il gol di Bassoli a metà ripresa è stato decisivo.

PRIMO TEMPO. Al 4’, cross di Van Der Wiel, testa di Dessena e palla oltre la traversa. Tre minuti dopo, ospiti in vantaggio: Maza ci prova da fuori area ed indovina un tiro con una traiettoria maligna che supera Crosta. Poco oltre il quarto d'ora, tiro di Lulli bloccato con sicurezza da Crosta. Al 18’, il pareggio: Diego Farias indovina il corridoio a premiare il taglio di Dessena, che controlla in corsa di destro e di sinistro infila l’angolino alla destra di Perilli. Due minuti dopo, ci prova da lontano Diego Farias, ma il portiere para. Subito dopo, Joao Pedro prova ad ingannare Perilli con un pallonetto, che si rivela troppo corto. Poco oltre la mezz'ora, Miangue tocca per Joao Pedro, tiro a giro sul fondo. Pordenone pericoloso al 33’, con una conclusione di Berrettoni, che si perde non lontana dai pali di Crosta. Tre minuti dopo, ripartenza veloce condotta da Diego Farias, apertura per Melchiorri, uno contro uno con Lulli: sinistro a giro impreciso.

SECONDO TEMPO. Al rientro in campo, mister Lopez presenta Giannetti al posto di Joao Pedro. Schermaglie fino al 57’, quando Magnaghi, servito in profondità, conclude trovando pronto Crosta. Cinque minuti dopo, il Pordenone passa nuovamente in vantaggio: tiro da fuori area di Misuraca, devia Capuano, poi Crosta manda in angolo. Sul corner di Burrai, salta più in alto di tutti Bassoli e colpisce bene, spedendo alle spalle di Crosta. Al 65', il giovane algherese Gagliano subentra a Melchiorri. Due minuti dopo, pallone filtrante per Maza che tira sul fondo. Al 72’, ancora su angolo di Burrai, Magnaghi devia verso la porta all’altezza dell’area piccola, grande parata di Crosta, poi Misuraca non trova il tempo per il tap-in. Un minuto dopo, un campio per parte: Deiola per Capuano tra i rossoblu e De Agostini per Maza tra gli ospiti. Ad un quarto d'ora dalla fine, proprio Deiola mette dentro con una stupenda rovesciata dopo una punizione di Cossu toccata da Dessena, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Al minuto 81’, Ciurria entra al posto di Berrettoni. Un minuto dopo, tiro da fuori area di Diego Farias bloccato da Perilli. All’85’, cross di Cossu, Giannetti di testa gira verso la porta, para sicuro il portiere. A quattro minuti dalla fine, Danza rileva Lulli. I 3' di recupero sfilano con i disperati attacchi del Cagliari che non sortiscono effetto. Passa il turno il Pordenone.

CAGLIARI-PORDENONE 1-2:
CAGLIARI: Crosta, Romagna, Capuano (28’st Deiola), Pisacane, Van Der Wiel, Dessena, Cossu, Joao Pedro (1’st Giannetti), Miangue, Melchiorri (20’st Gagliano), Diego Farias. Allenatore Diego Lopez.
PORDENONE: Perilli, Formiconi, Stefani, Lulli (44’st Danza), Nunzella, Bassoli, Burrai, Maza (28’st De Agostini), Misuraca, Magnaghi, Berrettoni (36’st Ciurria). Allenatore Colucci.
ARBITRO: Piscopo di Imperia.
RETI: 7’ Maza,18’ Dessena, 17’st Bassoli.

Nella foto (del Cagliari calcio): Daniele Dessena
Commenti
9/12/2017
Nell´anticipo della 16esima giornata del massimo campionato, i rossoblu rimontano due reti alla Sampdoria. Alla doppietta di Quagliarella nel primo tempo, hanno replicato Diego Farias e Pavoletti nella ripresa, per il 2-2 finale
9/12/2017
Dopo una complicata trattativa, arriva in rossoblu l´attaccante argentino ex serie D Lionel Spinola. A Sassari anche l’attaccante classe ’99 e “nipote d’arte” Federico Superchi
© 2000-2017 Mediatica sas