Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCronacaSanità › Martelli nuovo responsabile Chirurgia vascolare
Red 5 dicembre 2017
Il docente è stato tra i primi ad effettuare a Sassari la chirurgia dei bypass distali peri-malleolari per il salvataggio dell’arto inferiore con iniziale gangrena
Martelli nuovo responsabile Chirurgia vascolare


SASSARI - Eugenio Martelli, direttore della Cattedra di Chirurgia vascolare dell'Università degli studi di Sassari, già responsabile dell’Unità operativa complessa di Chirurgia vascolare dell'Azienda ospedaliero-universitaria di Sassari dal primo luglio 2016 al 30 giugno, ha ricevuto il nuovo incarico di responsabile dell'Uoc, dopo una vicenda concorsuale durata oltre quattro mesi nelle more dell’attuazione dell’atto aziendale dell’Aou. Martelli, oltre ad effettuare tutta la chirurgia maggiore arteriosa nonché venosa, negli ultimi sedici anni si è dedicato in particolare alla chirurgia dei bypass distali al piede, nel tentativo di salvataggio degli arti inferiori in pazienti con un’iniziale fase di gangrena. Una patologia che colpisce in maggioranza la terza età ed in particolare i pazienti diabetici.

Alla luce di questo, va evidenziato anche come la Sardegna sia una delle regioni con la più alta incidenza di diabete per numero di abitanti, si caratterizza per una condizione fisica migliore del resto d'Italia sia in termini di sovrappeso (38percento contro il 46percento del dato nazionale) ed obesità (18percento contro il 27percento), sia in tema di complicanze legate alla malattia dove spicca il dato positivo del 28percento di arteriopatie periferiche contro il 39percento della media nazionale. Dati migliori anche per retinopatie (14percento contro 20percento), nefropatie (6percento contro 11percento), mentre sono allineati i valori per i problemi cardiaci (28percento) e piede diabetico (10percento).

«In Sardegna come in tutto il mondo - spiega Eugenio Martelli - l'incidenza del diabete è in costante aumento ed è proprio questa patologia il più temibile tra i fattori di rischio per l'instaurarsi dell'arteriopatia ostruttiva cronica degli arti inferiori, della cui malattia l'ischemia critica rappresenta lo stadio terminale. Ma è anche vero che con le nuove tecniche legate alla chirurgia dei bypass distali al piede possiamo ridurre moltissimo le amputazioni e le relative ricadute socio-economiche sui pazienti e le loro famiglie. Centrale è il ruolo – conclude il professor Martelli - dei colleghi medici di base ai quali, per primi, spetta il compito di identificare, tempestivamente, i prodromi dello stato di ischemia critica degli arti inferiori e di inviare il paziente all'attenzione dei colleghi specialisti nella gestione delle malattie vascolari».
Commenti
13:04
«La Regione cancelli la revoca della convenzione e salvaguardi le prestazioni nella struttura. Pronto il partner per ripartire», dichiara il vicepresidente del Consiglio regionale
9:23
Il consigliere regionale del Partito democratico Raimondo Cacciotto interviene sulla necessità di accreditare la struttura sassarese al sistema sanitario regionale
22:54
È stata realizzata grazie all´iniziativa del gruppo “Donne libere in lotta per il diritto alla salute”. Aprirà venerdì, nei locali della struttura al terzo piano di Malattie infettive e metterà a disposizione oltre ottocento volumi
21:52
Il presidente della Regione autonoma della Sardegna Francesco Pigliaru, l´assessore regionale della Sanità Luigi Arru ed i rappresentanti dell´unità di progetto hanno incontrato quarantotto allevatori emersi dall´irregolarità
18:29
«Verranno trovate le soluzioni per salvare una struttura sanitaria fondamentale», ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale, intervenendo questa mattina a Sassari alla manifestazione di protesta indetta dalle Segreteria territoriali di Fp Cgil, Cisl Fp ed Uil Fpl per impedire la chiusura del nosocomio cittadino
© 2000-2018 Mediatica sas