Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaAmministrazione › Il sindaco Wheeler dichiara guerra alle slot machine
Mariangela Pala 6 dicembre 2017
Il provvedimento impone fasce orarie ben definite e l’individuazione dei limiti di distanza degli apparecchi dai luoghi sensibili come le scuole. La violazione dell'ordinanza potrà portare ad una sanzione amministrativa compresa tra 25 e 500 euro, alla chiusura immediata dell'esercizio e alla revoca del titolo in caso di nuova apertura
Il sindaco Wheeler dichiara guerra alle slot machine


PORTO TORRES - Il sindaco Sean Wheeler dichiara guerra al gioco d’azzardo e alla ludopatia ponendo un argine alle sale da gioco e slot machine. Un’ordinanza emanata dal primo cittadino per limitare la diffusione del gioco d’azzardo con le macchinette elettroniche. Nuove regole per tutelare i giovani e le famiglie, le fasce più deboli e psicologicamente più vulnerabili.

Il provvedimento impone fasce orarie ben definite e l’individuazione dei limiti di distanza degli apparecchi dai luoghi sensibili come le scuole. «Le normative consentono ai sindaci di riorganizzare i servizi, anche in virtù degli indirizzi espressi dal Consiglio comunale – sottolinea Sean Wheeler – e per questo motivo nell'ordinanza sono state individuate nuove fasce orarie, in base alla tipologia di attività. Rispetto ad analoghe ordinanze adottate in altri Comuni, noi abbiamo optato per orari non unificati». Gli esercizi commerciali quali bar, circoli ed esercizi similari potranno, infatti, attivare le macchinette la mattina dalle 9 alle 13, mentre nel pomeriggio esclusivamente dalle 19 alle 23.

«In questo modo intendiamo scoraggiare l'utilizzo di questi apparecchi da parte di nuovi possibili utenti a rischio, i giovanissimi, che nei giorni feriali frequentano i locali pubblici soprattutto nelle prime ore pomeridiane. Abbiamo, inoltre, fissato in 500 metri dalle strutture sensibili, come scuole o centri giovanili, la distanza minima di apertura di nuove sale giochi e l'installazione delle macchinette. Sono troppe le persone per le quali il gioco d'azzardo si è trasformato ormai in una grave forma di ludopatia – aggiunge il sindaco di Porto Torres – ed è un dovere morale e anche di sicurezza sanitaria da parte mia scoraggiare questi fenomeni, utilizzando tutti gli strumenti normativi che l'ordinamento affida a un sindaco»». L'ordinanza prevede che le sale gioco autorizzate possano aprire dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20.

Rivendite di tabacchi, esercizi commerciali e ricevitorie potranno attivare le macchinette nella medesima fascia oraria, a differenza di bar, circoli ricreativi, ristoranti, alberghi, agenzie di scommesse, sale bingo, sale Vlt che nel pomeriggio potranno attivarle dalle 19 alle 23. L'ordinanza vieta anche l’apertura di sale da gioco, sia tradizionali che Vlt, e di spazi per il gioco o l’installazione di apparecchi localizzati a meno di 500 metri da istituti scolastici di qualsiasi ordine e grado, luoghi di culto, centri di aggregazione sociale, centri giovanili, altre strutture culturali, ricreative e sportive frequentate principalmente dai giovani e da strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socio-assistenziale.

«I dati che ci sono stati comunicati dal Serd sono preoccupanti. Circa il 75% dei cittadini di Porto Torres gioca, il 54% realizza qualche vincita ed è quindi a rischio in quanto la vincita tende a modificare l'assetto mentale del giocatore. Almeno 200 persone sono considerate soggetti patologici con gravi compromissioni a livello familiare e sociale. Un provvedimento di limitazione non era, perciò, più rinviabile», aggiunge Sean Wheeler. La violazione dell'ordinanza potrà portare ad una sanzione amministrativa compresa tra 25 e 500 euro, alla chiusura immediata dell'esercizio e alla revoca del titolo in caso di nuova apertura, alla sospensione della licenza o dell'esercizio dell'attività per un periodo da sette fino a trenta giorni.
19/7/2018
Sono loro i due nuovi componenti del Consiglio d'amministrazione della Fondazione Alghero, l'ente che in Riviera del corallo si occupa di valorizzare e gestire i beni del patrimonio culturale, ne promuove la conoscenza e contribuisce alla promozione dei beni museali, teatrali, turistici, ambientali e paesaggistici
20/7/2018 video
Massimo Cadeddu, nel Cda della Fondazione Alghero insieme a Dario Pinna, potrebbe essere eletto presidente nel corso della riunione in programma martedì al Quarter. «Pronti a importare un nuovo modello di programmazione e ad individuare nuove nicchie di mercato» dice l´uomo scelto dal sindaco col pieno supporto del sistema delle imprese del territorio. Poi l´elogio alla gestione-Sari sulla cultura. Su Alguer.it l´intervista con Cadeddu.
19/7/2018
Per Conoci, Piras, Lubrano e compagni, le dimissioni di Raffaele Sari dalla presidenza della Fondazione Alghero sarebbero solo ed esclusivamente dovute alla sete di poltrone del Partito democratico
20/7/2018
Pubblicata la selezione per l´affidamento del servizio fino a dicembre, con possibilità di rinnovo per sei mesi
20/7/2018
Questa mattina, il sindaco di Sassari ha incontrato i rappresentanti del Gremio dei muratori e della Cassa edile del nord Sardegna, che hanno voluto festeggiare con lui il sodalizio tra l´Ente ed il Gremio
19/7/2018
Sono due ed ammontano a 582mila euro per un esproprio del 1978 e per un contenzioso del 2009. «Garantiremo i servizi essenziali, ma saremo costretti a rivedere il programma di governo», dichiara il sindaco Nicola Sassu
© 2000-2018 Mediatica sas