Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaAmministrazione › Alghero ha il Pai, Dem sferzanti. Perplessi dalle Opposizioni in fuga
A.B. 12 dicembre 2017
Il gruppo consiliare del Pd di Alghero, in sintonia e sinergia con la Segreteria cittadina, esprime soddisfazione per la presa d´atto del Consiglio comunale del Piano di Assetto Idrogeologico, ma la mancata partecipazione dei consiglieri di minoranza non è passata inosservata ai Dem
Alghero ha il Pai, Dem sferzanti
Perplessi dalle Opposizioni in fuga


ALGHERO - «Il gruppo consiliare del Pd di Alghero, in sintonia e sinergia con la Segreteria cittadina, esprime soddisfazione per la presa d'atto del Consiglio comunale del Pai necessario per l'approvazione non solo del piano di valorizzazione e conservazione della Bonifica, ma anche per altri strumenti urbanistici come il Piano dei litorali e del Piano urbanistico comunale, che senza il Pai non potrebbero vedere la luce». Inizia così, l'intervento dei rappresentanti del Gruppo consiliare del Partito democratico di Alghero, il capogruppo Mimmo Pirisi e il collega Enrico Daga, il giorno dopo la presa d'atto del Pai da parte della massima assise cittadina algherese.
GUARDA L'INTERVENTO DI ENRICO DAGA

Ma le Opposizioni non hanno partecipato a questa parte della seduta ed al Pd la cosa non è passata certo inosservata. «Rimaniamo comunque perplessi per l'atteggiamento delle Opposizioni, che ieri, in una sorta di “fuga dal Pai”, utilizzando vari accorgimenti (chi con assenze programmate, chi con presunte incompatibilità e chi con mancanza di tempo per studiare gli atti), si sono sottratti tutti al dibattito e alle responsabilità, responsabilità a cui il Gruppo consiliare del Partito democratico non si è sottratto, ritenendo questa presa d'atto necessaria non solo per la approvazione del piano di valorizzazione, ma anche per tutti gli altri strumenti urbanistici in corso di approvazione».

«Rimane comunque fondamentale l'impegno preso (con un ordine del giorno) sulle opere di mitigazione che permetteranno a quelle aree interessate di ridurre il vincolo che è bene ricordare è presente già dal 2013 in una forma più restrittiva a quello presentato ieri dal tecnico e che comunque non ha fino ad oggi bloccato le colture o i progetti di nuovi impianti agricoli in quei terreni. Oggi, invece, con questa presa d'atto il Comune può finalmente programmare e progettare al fine di chiedere un finanziamento adeguato finalizzato a ridurre, se non ad annullare, quelle aree di vincolo idrografico», hanno sottolineato in conclusione i componenti del Gruppo del Pd in Consiglio comunale.

GUARDA CONSIGLIO COMUNALE
© 2000-2018 Mediatica sas