Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariSpettacoloSolidarietà › A Sassari, il Concerto per Mattia
Red 15 dicembre 2017
L´evento benefico, in programma sabato sera, al Teatro comunale, è organizzato dall´Admo Nicolò Spano, con Eventi Sardinia Caboni Marco, ed Anna Rita Oggiano, per raccogliere fondi destinati alle cure mediche per un bambino di nove anni affetto da una malattia rara non curabile in Italia
A Sassari, il Concerto per Mattia


SASSARI – Sabato 16 dicembre, alle 20 (con ingresso dalle 19), l'Admo Nicolò Spano, con Eventi Sardinia Caboni Marco, ed Anna Rita Oggiano, organizzano nel Teatro Comunale di Sassari, in Piazza Cappuccini, un concerto a scopo benefico con raccolta fondi destinati alle cure mediche di Mattia, un bambino di nove anni affetto da una malattia rara non curabile in Italia. Mattia ha una malattia rara degenerativa, l'adrenoleucodistrofia. A spiegare le finalità della serata e le problematiche dello sfortunato bambino è Marco Caboni, della Eventi Sardinia. «In tre mesi, Mattia si è praticamente “spento” e non è assistito dal Servizio sanitario nazionale sanitario. Di conseguenza, i genitori hanno iniziato a fare ricerche e sono arrivati qualche mese fa ad un contatto con un istituto americano, che li ha indirizzati in Polonia, in una clinica privata di Cracovia, dove da agosto il bambino sta facendo una cura sperimentale che, oltre ad avergli bloccato attualmente lo stato degenerativo della malattia, gli sta ridando delle funzioni che non aveva più: muove una mano, guarda e segue con gli occhi, quindi un risveglio a livello neurologico, e sta facendo riabilitazione assistita pur non muovendo gli arti».

«Si è passati da uno stadio vegetativo – prosegue Caboni - dove il bimbo dormiva e basta, ad una nuova situazione che neanche i medici italiani hanno capito. Di fatto, le infusioni nel midollo osseo che sta facendo in Polonia (due sedute fino ad oggi) stanno dando risultati inaspettati. Ma il trapianto di staminali placentari da cordone ombelicale costano ai genitori oltre 8mila euro più viaggio, pagato anticipatamente con interprete, viaggio, vitto ed albergo. I fondi da poco vengono dati su donazione, la famiglia non ha nessun aiuto da Assl, Stato o Regione. Inoltre, a questa patologia ne è subentrata un'altra, con blocco delle ghiandole surrenali e deve prendere un “salvavita” tre volte al giorno».

«Come spesso accade in Italia, la mobilitazione di semplici cittadini e il nostro gruppo stanno cercando di dare una mano per aiutare questi genitori che sono indebitati oltre l'inverosimile, questo è il motivo per il quale abbiamo chiesto questa mobilitazione e l'aiuto di un gruppo storico come i Collage e ad altri diciassette artisti sardi, piccoli e grandi, dai Sors’Amigos a Mario Vinci. Attualmente abbiamo già da affrontare alcune spese, ma dobbiamo farcela. Tutti gli artisti che interverranno, anche quelli piccoli di età, vengono con lo spirito di aiutare Mattia a vincere questa rarissima malattia. Vengono tutti in forma gratuita, compresi i Vigili del fuoco di Sassari, la sicurezza e le maschere. Il teatro ci è stato dato in forma gratuita dal Comune di Sassari subito sensibile alla cosa. Abbiamo bisogno di riempire i 1445 posti del Teatro Comunale di Sassari per dare una speranza al nostro piccolo eroe. Chiediamo alla cittadinanza di Sassari e Alghero e provincia di mobilitarsi,di venire al concerto di sabato. L’ingresso è ad offerta libera, regalatevi un preNatale insieme ai vostri figli e date una speranza a Mattia», conclude Marco Caboni.

Nella foto: i Collage
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas