Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaServizi › Spuntano i mastelli, ma resta in caos
S.O. 15 dicembre 2017 video
Passeggiando per le vie del centro storico di Alghero iniziano a vedersi i nuovi mastelli colorati da utilizzare per la differenziata. Ma molti residenti non hanno nessuna intenzione di cambiare abitudini. Le immagini di mercoledì
Spuntano i mastelli, ma resta in caos


ALGHERO - Passano i giorni e le settimane, ma nel centro storico di Alghero, soprattutto nelle vie e nei vicoli più caratteristici, tra via Principe Umberto e via Doria, via Cavour, Maiorca e Arduino regnano sempre sacche d'incuria. Basta passeggiare nel cuore della città per imbattersi in buste disseminate un po ovunque.

Spuntano anche i primi mastelli colorati, recentemente consegnati ai residenti del centro storico, Fertilia, Taulera, Maria Pia (in consegna a Carrabuffas, Sant'Agostino e Cunetta [LEGGI]), ma per molti abitanti non è ancora ora di cambiare abitudini. La diminuzione di frequenze nella raccolta dei rifiuti differenziati crea così qualche problema.

Il nuovo servizio in vigore dal 1 dicembre non prevede più, infatti, il ritiro quotidiano di frazione organica e secco, ma sole tre giornate per i primi (martedì, giovedì e sabato) e una (il giovedì) per il secco, oltre alla plastica (e metalli) il solo venerdì. Eppure non è raro trovare buste abbandonate sulla strada in tempi e con modi sregolati.
Commenti

13:52
Dato storico per la Riviera del corallo, che a settembre ha registrato il 67,08percento di raccolta differenziata in territorio comunale. Premiato lo sforzo organizzativo e la perseveranza di molti cittadini e titolari di attività nel rispettare le regole di conferimento. Da oggi, via al ritiro domiciliare con il nuovo sistema porta a porta anche nella zona del Lido
12/10/2018
Venti squadre di Abbanoa sono state mobilitate per tutta la notte per completare la riparazione degli impianti danneggiati dal maltempo a Capoterra, a Sarroch e nel Sarrabus
© 2000-2018 Mediatica sas