Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroOpinioniUrbanisticaGenio civile e progettazioni private
Michele Pais 17 dicembre 2017
L'opinione di Michele Pais
Genio civile e progettazioni private


Il Consiglio comunale di Alghero ha approvato e fatto proprio un progetto redatto da uno studio di progettazione privato inerente la variante del Piano di Assetto Idrogeologico del l'intero territorio comunale. Un'opera gigantesca rispetto alla quale, peraltro, il Consiglio comunale non è stato messo in condizione di analizzare e capire, anche con l'ausilio di consulenti tecnici assolutamente necessario per questo tipo di atti. Invece in fretta e furia si è preso per oro colato il lavoro (nobile per carità) di un progettista privato e non organico all'apparato pubblico, dal quale però scaturiscono pesanti vincoli urbanistici. Il medesimo progettista ha poi detto che tale opera avrebbe avuto necessità di una specificazione ulteriore riguardo le cd "opere di mitigazione", cioe' di un altro incarico naturalmente retribuito, utile a eliminare quei vincoli posti col primo progetto.

Poi naturalmente ci saranno da realizzare le opere pubbliche che necessitano di appalti ed incarichi per la progettazione... e via discorrendo. Un "pacchetto" che il Consiglio comunale di Alghero ha "acquistato" a scatola chiusa. Nessuno mette in dubbio le capacità e la buona fede dei professionisti che hanno redatto il progetto ma è evidente che il loro studio non abbia quella "terzietà" e "autorevolezza" di uno proveniente da un organo Statale. Un tempo questo genere di progettazioni veniva svolto dal Genio civile dello stato, cioè da quella "magistratura di ingegneri" organica alla Amministrazione statale. Quella stessa Amministrazione statale che, nel periodo delle bonifiche, ha realizzato in tutta Italia la progettazione e la realizzazione delle opere idrauliche che si pongono come esempio, per accuratezza ed efficacia, per ogni successivo studio che si approcci alla materia. In Sardegna ed ad Alghero ne abbiamo testimonianza proprio nel territorio della "Bonifica", che evidenzia una efficacissima rete di opere idrauliche che hanno reso fertili e lavorabili oltre 5000 ettari di terreno, prima paludoso.

È proprio quest'ultimo territorio, che ospita le eccellenze del comparto della produzione agricola, subisce le conseguenze più pesanti dal piano redatto dallo studio privato di ingegneria, senza che sia stato possibile dedurre eccezioni utile ad un suo miglioramento ed alla eliminazione di eventuali inesattezze, che pare vi siano. Un Piano calato dal "basso" elevato a "studio pubblico". Una imposizione a mio modo di vedere inaccettabile. Per questo difetto di impostazione, stiamo studiando la via più efficace per farlo cassare. Certo è che se questo è il metodo che questa maggioranza intende seguire per l'approvazione del Puc, è evidente che non lo approverà mai. C'è da chiedersi se l'abbandono e la minimizzazione del Genio civile statale, la sua progressiva trasformazione in protezione civile che interviene a disastri avvenuti invece che nella fase della progettazione utile alla prevenzione, appaltata a privati ed esternalizzata, sia una delle cause che porta a questo genere di eventi disastrosi riportati in questi giorni dalle cronache regionali e nazionali.

*consigliere comunale Forza Italia Alghero
21/4/2018
La nostra città, Alghero, io l’ho vista imbruttire. Non in maniera lineare, non senza eccezioni. Ma dal Dopoguerra a questa parte si è persa l’attenzione al bello. C’è stato qualche tentativo di cercare di bella architettura, l’architetto “di Alghero” Simon Mossa ha tentato di creare un modello, subito dimenticato. Ma per lo più, si è seguito un modello dormitorio. Case senza qualità, il palazzone da periferia metropolitana come modello. Così sono sorti interi quartieri che hanno imbruttito la città
21/4/2018
«Pronti al confronto pubblico per arrivare a una sintesi alta», ha dichiarato l´assessore regionale, che ha partecipato al convegno “L’infinito cammino dei Piani urbanistici in attesa di una legge urbanistica innovativa”, organizzato ieri da Legambiente
21/4/2018
Inaugurato ufficialmente ieri sera uno spazio destinato alla socializzazione ed agli eventi culturali. Nell´area completamente rimessa a nuovo dall´Amministrazione comunale di Sassari, erano presenti il sindaco Nicola Sanna, l´assessore comunale ai Lavori pubblici Ottavio Sanna ed il progettista Sebastiano Pisanu, che hanno spiegato come hanno operato e quali scelte sono state compiute per riqualificare i 10mila metri quadrati di piazza
© 2000-2018 Mediatica sas