Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCulturaRiti › Stintino: monsignor Becciu celebra gli 80 anni della parrocchia
M.P. 18 dicembre 2017
Ieri mattina a Stintino monsignor Giovanni Angelo Becciu ha celebrato la messa per gli ottant´anni della parrocchia. Martedì alle 17 la messa con l´arcivescovo di Sassari Gian Franco Saba.
Stintino: monsignor Becciu celebra gli 80 anni della parrocchia


STINTINO - Ieri mattina a Stintino monsignor Giovanni Angelo Becciu ha celebrato la messa per gli ottant'anni della parrocchia. L'alto prelato ha benedetto anche il presepe a grandezza naturale arrivato alla sua decima edizione. Sabato si è volto il convegno di studi al Mut. Martedì alle 17 la messa con l'arcivescovo di Sassari Gian Franco Saba.

«Celebrare gli ottant'anni della parrocchia vuol dire rendere grazie a Dio per quello che è avvenuto in questi anni, qui è avvenuta tanta grazia del Signore. E allora la parrocchia è il luogo dove maturiamo come cristiani, dove la parola di Dio diventa il programma della nostra vita». Così questa mattina monsignor Giovanni Angelo Becciu, sostituto per gli Affari generali della Segreteria di Stato del Vaticano, durante l'omelia si è rivolto ai tanti stintinesi radunati nella chiesa dedicata all'Immacolata Concezione, per celebrare gli ottant'anni della parrocchiale di via Sassari.

Un'occasione importante che ha unito in un momento di preghiera e riflessione gli abitanti del paese che si affaccia sul golfo dell'Asinara. Per Stintino saranno tre giorni di festa per gli ottant'anni della consacrazione della chiesa parrocchiale. Appuntamenti che si concluderanno martedì con la messa delle 17 e che sono iniziati già sabato con un convegno di studi storici sul territorio, il paese e la chiesa, quindi sono proseguiti questa mattina con l'apertura e la benedizione da parte di monsignor Angelo Becciu del presepe a grandezza naturale, arrivato alla decima edizione e arricchito con oltre cento statue.

«La sua presenza – ha detto il sindaco Antonio Diana rivolgendosi a monsignor Becciu – riconosce il valore delle iniziative che abbiamo intrapreso. In questi dieci anni, durante i quali abbiamo avviato il progetto del presepe, abbiamo testimoniato l'impegno della nostra comunità. Un presepe che è diventato testimonianza del mondo e che, attraverso anche una riflessione interiore e personale, vuole portare all'attenzione di coloro che lo visitano gli avvenimenti, purtroppo anche tragici, che il nostro pianeta vive ogni giorno». È stata l'assessora alla Cultura Francesca Demontis a rimarcare il significato del presepe. «Non vuole richiamare soltanto turisti e visitatori ma vuole unire popoli di diverse tradizioni, culture e religioni».

Nel presepe, che descrive la storia e la tradizione del paese, sono raccolte tante statue arrivate anche da lontano: dalla Grecia, dalla Serbia, dall'Ungheria e quest'anno anche dal Benin. Il tema 2017 di Stintino Betlemme d'Europa, infatti, è l'Africa e le crisi umanitarie. Il presepe è stato allestito nell'intera area del Porto Minori, con un percorso che prende avvio dalla piazzetta delle vele per arrivare sin sotto al Museo della Tonnara, con la capanna della Natività.

Ed è qui che questa mattina monsignor Angelo Becciu, accompagnato dall'arcivescovo di Sassari Gian Franco Saba, dal parroco Andrea Piras e da monsignor Giancarlo Zichi ha benedetto il presepe. Alla cerimonia, assieme ai tanti fedeli, hanno partecipato anche la Confraternita della Beata Vergine della Difesa, la giunta e i consiglieri comunali quindi i rappresentanti della rete metropolitana, il rettore dell'Università di Sassari, le autorità militari del territorio e una rappresentanza dell'Ordine del Santo sepolcro. Dopo la benedizione del presepe il coro “Santa Rughe” di Pattada si è esibito con un repertorio di canzoni natalizie in sardo.

I festeggiamenti per gli ottant'anni della chiesa di Stintino si sono aperti sabato 16 dicembre al Museo della Tonnara. È qui che si è svolto il convegno di studi “A ottant'anni dalla consacrazione della chiesa parrocchiale di Stintino. Tra I'Asinara e Stintino. Quale pastorale?”. Un momento di incontro e di riflessione per ricordare le origini del paese. L'incontro, presieduto dall'arcivescovo di Sassari Gian Franco Saba, è stato moderato dal vicedirettore di Rai 1 Ludovico Di Meo.

Dalle relazioni presentate da monsignor Giancarlo Zichi, dal docente Giuseppe Zichi, dall'architetto che ha curato il recente restauro della chiesa parrocchiale, Monica Ortu, e dal sindaco Antonio Diana, sono emersi evidenti gli elementi identitari della comunità stintinese e del territorio, quelli della solidarietà, dell'appartenenza e del lavoro femminile. Per il pubblico si è trattato di un vero e proprio viaggio nel tempo, tra passato e presente. Uno spaccato storico del territorio stintinese, e non solo, che ha portato a ripercorrere anche la vita sull'isola dell'Asinara.

Al convegno sono intervenuti anche la presidente del consiglio comunale di Stintino Marilena Gadau, la presidente del consiglio del Comune di Sassari Esmeralda Ughi e il parroco di Stintino don Andrea Piras. Martedì 19 dicembre, alle 17, nella chiesa parrocchiale sarà l'arcivescovo di Sassari monsignor Gian Franco Saba a concelebrare la messa per l'ottantesimo anniversario della parrocchia.
© 2000-2018 Mediatica sas