Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroCronacaCronaca › Falsi documenti: nigeriani stoppati in aeroporto
Red 21 dicembre 2017
Il personale dell’Ufficio di Polizia di frontiera aerea di Alghero ha denunciato alla Procura della Repubblica di Sassari due africani per concorso in falsità materiale di una patente di guida italiana e di un permesso di soggiorno. Uno dei due è stato denunciato anche per sostituzione di persona
Falsi documenti: nigeriani stoppati in aeroporto


ALGHERO - Nei giorni scorsi, nell’ambito dell’intensificazione dei dispositivi di vigilanza e sicurezza aeroportuale disposti, di intesa con la Questura di Sassari in occasione delle festività natalizie e di fine anno, il personale dell’Ufficio di Polizia di frontiera aerea di Alghero ha denunciato alla Procura della Repubblica di Sassari due cittadini nigeriani per concorso in falsità materiale di una patente di guida italiana e di un permesso di soggiorno. Uno dei dueè stato denunciato anche per sostituzione di persona.

Uno dei due nigeriani, rintracciato nell’aerostazione di Fertilia, aveva cercato di imbarcarsi sul volo per Milano, munito di un permesso di soggiorno falsificato. I successivi accertamenti effettuati dalla Polizia hanno permesso di trovare anche una patente di guida contraffatta, anch’essa sottoposta a sequestro con il permesso di soggiorno.

La persona fermata, è stata quindi denunciata anche per sostituzione di persona, rilevato che la stessa aveva falsificato i documenti, cercando di farsi passare per un altro nigeriano, anch’esso residente in Italia. Sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi per verificare le metodologie di contraffazione dei documenti trovati, anche con l’interessamento di alcune Questure della Penisola competenti per le provincie nelle quali i due denunciati risultano avere residenze o domicili.
14:06
Gli agenti del locale Commissariato di Pubblica sicurezza hanno denunciato in stato di libertà un 42enne algherese per tentata estorsione. L’episodio risale a qualche giorno fa e la vittima è risultata essere la moglie
17:44
I militari dell’Arma, dopo una serie di riscontri sono riusciti ad accertare che la carta ricaricabile sul quale è stato effettuato l’accredito, è riconducibile ad un 40enne della provincia di Cosenza, già noto alle Forze dell’ordine, denunciandolo così all´Autorità giudiziaria per il reato di truffa
© 2000-2018 Mediatica sas