Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroSpettacoloConcertiJazzAlguer, su il sipario con Paolo Fresu
A.S. 22 dicembre 2017
Primo concerto ad Alghero all´insegna del tutto esaurito. In Cattedrale a Santa Maria risplendono le sonorità e le atmosfere tra jazz e musica sacra del Medioevo di "Altissima​ ​Luce"
JazzAlguer, su il sipario con Paolo Fresu


ALGHERO - Grande attesa, ad Alghero per il concerto inaugurale della prima edizione di JazzAlguer, la rassegna che si snoderà con cadenza mensile nella cittadina della Sardegna nord occidentale fino al prossimo luglio. Il cartellone si sabato con un evento che ben si sposa con il clima natalizio di questi giorni: nella suggestiva cornice della Cattedrale Santa Maria, con inizio alle 21.30, risplendono le sonorità e le atmosfere tra jazz e musica sacra del Medioevo di "Altissima​ ​Luce", ovvero il Laudario​ ​di​ ​Cortona​ ​​riletto da​ ​Paolo​ ​Fresu​ ​e​​ Daniele​ ​di​ ​Bonaventura, con il trombettista sardo e il bandoneonista marchigiano affiancati da Marco Bardoscia al contrabbasso, Michele Rabbia alla batteria, l'Orchestra da Camera di Perugia e il ​​gruppo vocale Armoniosoincanto​ ​diretto da​ ​Franco​ ​Radicchia.

Si tratta di un progetto presentato per la prima volta a Umbria Jazz nel 2016 e successivamente in vari festival italiani e città all'interno di straordinari luoghi di culto. Paolo​ ​Fresu, spinto come sempre da un’inesauribile curiosità che lo porta ad affrontare repertori diversi e sfide insolite, ha scelto e arrangiato con Daniele​ ​di​ ​Bonaventura tredici della quarantasette laudi del Laudario di Cortona, databile tra il 1250 e il 1290, una delle più importanti testimonianze dell'espressione musicale sacra popolare: brani monodici di devozione mariana, testi di funzione morale, riferimenti al francescanesimo, al calendario liturgico e ad altri santi.

Promossa dall'associazione​ ​culturale​ ​Bayou​ ​Club-Events con il contributo del Comune​ ​di​ ​Alghero, della Fondazione​ ​di Sardegna,​ della ​Camera​ ​di​ ​Commercio di Sassari, della Fondazione​ Alghero, di Unipol Gruppo e di Sella&Mosca, con il patrocinio dell'Assessorato del Turismo della Regione​ ​Autonoma della Sardegna e del Banco​ ​di​ ​Sardegna, la prima edizione di JazzAlguer, che si avvale della direzione artistica dello stesso Paolo Fresu, andrà avanti nei prossimi mesi trovando una collocazione di volta in volta diversa in alcuni dei luoghi notevoli di Alghero: il Teatro Civico, le chiese di San Francesco e di San Michele, lo slargo de Lo Quarter, i bastioni cinquecenteschi della Muralla, e, fuoriporta, le tenute della storica cantina Sella&Mosca e l'ex colonia penale di Tramariglio, sede del Parco di Porto Conte.

In arrivo nomi di primo piano della scena jazzistica nazionale e internazionale: Filomena Campus, la cantante sarda trapiantata da tempo a Londra, con il suo quartetto inglese (il 27 gennaio); una formazione storica come i Cadmo, attesi per una reunion (il 24 febbraio), dopo tanti anni, in un concerto unico proprio nella cittadina dove videro la luce nel lontano 1973; il pianista Enrico Pieranunzi in solo tra jazz e classica (24 marzo); il progetto "Trigono" che riunisce il contrabbassista Marco Bardoscia, il quartetto d'archi Alborada e la pianista Rita Marcotulli (14 aprile); in coda al calendario, una serata all'insegna delle voci con Eugenio Finardi e con la cantante Franca Masu (29 giugno), prima del gran finale con il sassofonista norvegese Jan Garbarek e il suo gruppo (21 luglio). Ma rientrano nel cartellone di JazzAlguer anche la partecipazione alla giornata internazionale del jazz istituita dall'Unesco, con un cast ancora in via di definizione (29 e 30 aprile), e un nuovo concorso,​ ​"Jazzalguer​ ​Mediterrani", riservato alle giovani formazioni europee (con serata finale il 19 maggio).

19/4/2018
Ancora un weekend di eventi e musica dal vivo al Miramare gastro & music pub di Alghero: protagonisti, il tributo a Eros Ramazzoti di SoliveEros ed il concerto dei Cabbijos
© 2000-2018 Mediatica sas