Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaAmministrazione › Cips: «Sulla nomina Wheeler fa l’equilibrista»
Mariangela Pala 6 gennaio 2018
Le accuse arrivano dal consigliere comunale di Autonomia popolare, Alessandro Carta che ricorda quanto sia importante tale nomina rispetto alle progettualità industriali future del territorio
Cips: «Sulla nomina Wheeler fa l’equilibrista»


PORTO TORRES - La decisione presa all'unanimità da parte del consiglio di amministrazione del Consorzio industriale provinciale di Sassari, di cui è componente il delegato del sindaco di Porto Torres Sean Wheeler, «appare piuttosto singolare non tanto perché individua come possibile futuro direttore generale una delle più note personalità politiche presenti in consiglio regionale, di cui non si mettono in discussione le importanti competenze tanto meno il curriculum professionale». Le accuse arrivano dal consigliere comunale di Autonomia popolare, Alessandro Carta che ricorda quanto sia importante tale nomina rispetto alle progettualità industriali future del territorio.

«Ciò che si mette in discussione, fatto molto grave, - aggiunge Carta - è che tale decisione, presa con il benestare del sindaco Wheeler, tradisce il principio del ricorso ad una procedura selettiva pubblica preferendo il ricorso ad una nomina diretta, in pieno stile vecchia politica». Per il consigliere di Ap «non risulta sorprendente ricordare come il Movimento cinque stelle di Porto Torres, sindaco, giunta e maggioranza abbiano sempre sbandierato trasparenza e ampia partecipazione - prosegue Carta - in merito all'individuazione degli incarichi pubblici».

Per questo - conclude Carta - chiederò quindi al sindaco Wheeler che fine abbiano fatto gli slogan contro la politica delle poltrone visto che, oggi ci si accomoda su di esse solo per salvaguardare chissà quale tipo di equilibrio politico mentre pare siano sempre più puntuali e imperterrite le sue assenze dal palazzo comunale e consueta la sua estraneità nel governare Porto Torres».
22:37
una grande azienda come Eni, in questo momento, può rendersi protagonista per il riscatto del territorio, se non con le misure compensative, finanziando progetti per il rilancio turistico, culturale, ambientale e sociale
© 2000-2018 Mediatica sas