Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresCronacaDisservizi › Rifiuti al mercatino: bidoni insufficienti
M.P. 10 gennaio 2018
La proposta che il consigliere Piras porterà in commissione Ambiente riguarderà il miglioramento del servizio con la creazione di almeno due isole ecologiche temporanee e possibilmente presidiate composte da cassonetti divisi per la tipologia del rifiuto
Rifiuti al mercatino: bidoni insufficienti


PORTO TORRES - Non ci sono solo le isole ecologiche a creare problemi di decoro urbano, ma nell’elenco delle criticità ambientali ci sarebbero anche le aree mercatali, «sia per il menefreghismo di molti ambulanti, che per la metodologia di conferimento e ritiro del rifiuto» denuncia il consigliere comunale Claudio Piras. «Bisogna analizzare le criticità del servizio e le varianti da prospettare all’azienda Ambiente 2.0 per migliorare la raccolta e il decoro della città. Basta sentirsi dire che queste sono interferenze, - attacca Piras - il ruolo dei consiglieri è quello di indirizzare e di controllare, quindi di proporre migliorie, le stesse che ogni giorno i cittadini ci chiedono. Pare che ad ascoltare i cittadini siamo rimasti in pochi, alla faccia della cittadinanza attiva e della democrazia partecipata».

Il consigliere Piras descrive una situazione in cui gli ambulanti lasciano i rifiuti, per lo più non differenziati, vicino al proprio stallo una volta terminato il servizio. In quell’area sono poche le unità dei bidoni dediti alla differenziata e verso le 14 l’azienda raccoglie le varie tipologie di rifiuto, cercando di differenziare il possibile, ma portando via una grossa percentuale di indifferenziato. «Nei giorni ventosi questo servizio viene reso molto più complicato proprio perché le “isole ecologiche” create dai commercianti, sono all’aperto – aggiunge il consigliere – e il vento spazza per lo più plastica e cartone, per varie centinaia di metri, andando a depositarsi spesso e volentieri dentro gli antistanti cortili privati che non vengono in seguito, giustamente o meno, ripuliti dall’azienda».

La proposta che il consigliere Piras porterà in commissione Ambiente riguarderà il miglioramento del servizio «con la creazione di almeno due isole ecologiche temporanee e possibilmente presidiate composte da cassonetti divisi per la tipologia del rifiuto e magari delimitate dalle famose transenne in materiale riciclato presenti all’Asinara e mai utilizzate. In questo modo il commerciante dovrà conferire all’interno del cassonetto, anche durante tutta la mattinata, con l’ausilio di un operatore di presidio nell’isola ecologia, per fare in modo che il rifiuto venga correttamente differenziato e che anche in occasione di giornate ventose, la spazzatura non venga trascinata nel piazzale».
© 2000-2018 Mediatica sas