Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesardegnaCronacaArcheologia › Musei statali sardi, più incassi e visitatori
M.V. 10 gennaio 2018
Nel 2017 quasi 550 mila persone affamate di cultura in Sardegna. Si registra anche un aumento degli incassi del 14%. Introiti per 1.603.360 dai siti statali dell´Isola. I dati del Ministero presieduto da Dario Franceschini
Musei statali sardi, più incassi e visitatori


ALGHERO - Numeri in crescita per i musei statali della Sardegna: dai 516.800 visitatori del 2016, si è passati nel 2017 a quota 548.553. Cifre che rappresentano un incremento del 6,1%. Si registra anche un aumento degli incassi del 14%, con introiti che passano dai 1.406.592 euro del 2016 a 1.603.360 euro a fine 2017.

In crescita le aree archeologiche di Tharros a Cabras (114.371 visitatori contro 109.050 del 2016, +4,9%) e di Nora a Pula (74.221, +8,8%). Bene anche il compendio garibaldino di Caprera a La Maddalena (67.747, +5,3%), il museo archeologico nazionale di Cagliari (58.731, +5,2%) e il Castello della Fava a Posada (23.929, +19,1%). Lieve flessione, ma sempre tra i primi otto siti visitati in Sardegna, per il Museo Nazionale Archeologico Etnografico “Giovanni Antonio Sanna” di Sassari (14.730 -7,5%) e per l'Area Archeologica Anghelo Ruju di Alghero (14.341 -1,7%).

Tra i luoghi della cultura a ingresso gratuito della Sardegna, l'area archeologica "Su Nuraxi" di Barumini è stata visitata da 81.439 persone con un incremento di pubblico del 2,2%. Seguono l'area archeologica "Nuraghe Losa" di Abbasanta con 26.674 visitatori (+18,8%) e l'ipogeo di San Salvatore in Sinis con 11.336 ingressi (+3,9%).
Commenti
18:39
In occasione della Giornata nazionale delle Famiglie al Museo, domenica 21 ottobre, a partire dalle 16, l´Antiquarium Turritano aprirà le sue porte a visitatori grandi e piccini, che saranno guidati alla scoperta dei rapporti commerciali che legavano la colonia di Turris Libisonis agli altri porti del Mediterraneo
18/10/2018
Si sono recentemente concluse, in località Punta del Francese al largo delle coste di Stintino, le indagini archeologiche subacquee sul carico di blocchi di marmo bianco di età romana imperiale giacente sul fondale marino a circa 18 metri di profondità
© 2000-2018 Mediatica sas