Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieportotorresPoliticaUrbanistica › Porto Torres, degrado al centro: «fondi regionali snobbati»
Mariangela Pala 11 gennaio 2018
La segreteria cittadina del Partito Democratico nelle scorse settimane ha tenuto, nella propria sede di via Azuni 48, degli incontri mirati sull´importante tema politico del decoro urbano e della riqualificazione del centro storico e delle periferie
Porto Torres, degrado al centro: «fondi regionali snobbati»


PORTO TORRES - Dall'assessorato all'Urbanistica della Regione sono in arrivo i bandi per la riqualificazione delle periferie, dei centri storici, delle zone interne e delle aree a valenza ambientale, per complessivi 25 milioni di euro. La segreteria cittadina del Partito Democratico nelle scorse settimane ha tenuto, nella propria sede di via Azuni 48, degli incontri mirati sull'importante tema politico del decoro urbano e della riqualificazione del centro storico e delle periferie. «Abbiamo intervistato urbanisti, architetti e professionisti del settore pubblico e privato del territorio - spiega la segreteria cittadina Pd - l'immagine che si è fatta della città non è per niente buona, anzi per dirla con un eufemismo è assai drammatica: il centro storico è lasciato in balia di se stesso, con via Libio ( una delle principali vie del nostro centro storico) ormai ostaggio dei rifiuti, degli escrementi, delle buche stradali, dei marciapiedi rotti e dalle erbacce alte che fuoriescono libere da essi e dalle vecchie case ubicate in quella zona».

Stessa cosa si ripete nelle altre parallele e vie principali, «dove a causa della scarsa illuminazione e di insufficienti controlli sembra di essere in una città fantasma». Una brutta fotografia questa che certo non rende onore alla storia e alle bellezze della città e che non l'aiuta a crescere se si pensa a tutti i visitatori che ogni anno la visitano e più delle volte ne denunciano lo stato di abbandono sui social. «Non è la prima volta - prosegue il segretario cittadino Pd Gian Mirko Luiu - che facciamo presente all'amministrazione comunale tali disagi; precedentemente infatti il nostro gruppo consiliare aveva interrogato il sindaco Wheeler in consiglio comunale sulle tante segnalazioni riportate da parte di preoccupati cittadini, residenti nelle vie del centro storico, dove esasperati denunciavano anche gravi danni alla proprietà, cioè alle auto parcheggiate e alle facciate delle proprie abitazioni».

Se ci si sposta nei quartieri e nella periferia cittadina i problemi sono ancora più amplificati e delicati, «e se l'amministrazione comunale avesse continuato a fare gli incontri di quartiere come tanto aveva decantato in campagna elettorale se ne sarebbe resa conto. Ma così non è!», attacca Mirko Luiu «ci chiediamo infine come segreteria: come può investire un soggetto privato nel nostro centro storico, con l'acquisto di un immobile ad uso privato o commerciale, se la situazione di degrado urbano è così evidente e allarmante?». Per la segreteria cittadina Pd è grave che l’amministrazione comunale pentastellata non abbia ancora provveduto ad una programmazione politica di interventi di riqualificazione da apportare in città, magari promuovendo un'iniziativa pubblica, «ad esempio "un concorso di idee aperto a tutti", come avviene in tante città europee virtuose, puntato all'obiettivo di rendere Porto Torres più bella e accogliente agli occhi di coloro che ci vogliono investire e vivere».

Viste le tante opportunità perse dalla città, legate ai fondi pubblici destinati dalla Regione ai comuni sardi, «e scarsamente inseguiti da questa amministrazione pentastellata, ci chiediamo assai preoccupati se chi governa la città si stia attivando per interessarsi - conclude Luiu - e in seguito richiedere le risorse destinate ai Programmi integrati per il riordino urbano e di riqualificazione urbanistica, promossi dall'assessorato all'Urbanistica regionale».
13/12/2018
Ieri mattina, il sindaco Nicola Sanna ha partecipato con gli assessori comunali ai Lavori pubblici ed alle Politiche culturali e turismo Ottavio Sanna e Manuela Palitta, alla tavola rotonda sul progetto LandWorks plus all’Argentiera
© 2000-2018 Mediatica sas