Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroPoliticaPesca › «Pesca, imprese soffocate dalla burocrazia»
Red 26 gennaio 2018
«La Sardegna unica Regione interessata a non aver disciplinato la norma», dichiara il responsabile regionale di Coldiretti impresa Pesca Mauro Manca, che ha scritto una lettera al presidente della Giunta regionale Francesco Pigliaru, del Consiglio regionale Gianfranco Ganau ed all’assessore regionale all’Agricoltura
«Pesca, imprese soffocate dalla burocrazia»


ALGHERO - «Le imprese dell’acquacoltura sarde non possono avere certezze e programmare il proprio lavoro in quanto la nostra Regione non ha disciplinato autonomamente la materia dei Canoni demaniali per acquacoltura e pesca». Lo sostiene il responsabile regionale di Coldiretti impresa Pesca Mauro Manca, che ha scritto una lettera al presidente della Giunta regionale Francesco Pigliaru, del Consiglio regionale Gianfranco Ganau ed all’assessore regionale all’Agricoltura «per sollecitare un intervento urgente per salvare le imprese della pesca e acquacultura». «Come Impresa Pesca Coldiretti Sardegna – ricorda Manca - è da circa dieci anni che proponiamo ai riferimenti istituzionali che nel tempo si sono succeduti in Regione, una proposta che, se percorsa, avrebbe garantito alle nostre aziende operanti nel settore dell’Acquacoltura di poter progredire in un mercato che per l’85percento è soddisfatto da prodotti ittici provenienti dall’estero».

In pratica, si chiede alla Regione autonoma della Sardegna di disciplinare autonomamente in materia dei canoni demaniali per acquacoltura e pesca. La norma nazionale in materia è stata definita incostituzionale dall’Autorità garante della concorrenza e del mercato e crea una disparità incredibile di trattamento sulla base della sola ragione sociale delle aziende. Per superare questa norma, è necessario appunto che legiferi la Regione: «ma nonostante abbia una autonomia impositiva in materia grazie alle Norme di attuazione dello Statuto regionale, ad oggi la Sardegna è rimasta l’unica delle Regioni italiane interessate dalla questione a non aver disciplinato autonomamente la materia dei Canoni demaniali per acquacoltura e pesca».

«Persino le Marche – sottolinea Mauro Manca - regione che non gode di autonomia, così come fra le altre la Liguria, la Puglia, la Toscana, il Veneto e la Sicilia, hanno posto soluzione al problema approvando provvedimenti autonomi che ripristinassero condizioni di decenza in questo settore». Per questo, il responsabile di Coldiretti impresa pesca ritiene che «non ci sia più tempo per rinvii o scuse ma occorre prendere di petto il problema, affrontarlo e risolverlo. La titubanza, lo scaricabarile soffocano e non danno prospettive alle aziende. La politica deve assumersi le proprie le responsabilità e non può delegare alla burocrazia il futuro delle nostre imprese agricole».

Nella foto: Mauro Manca
Commenti
20/9/2018
Ieri mattina la pattuglia del Corpo Forestale della Stazione Asinara nell’ambito dei servizi di prevenzione illeciti e vigilanza terrestre e marittima, in località Su Puntello a Stintino, hanno colto tre persone intente alla raccolta pesca fuori stagione di ricci di mare
20/9/2018
Discusso in Comitato Pesca il progetto sulle bocche a mare presentato dal Comune. «Passo avanti sulla regolamentazione del sito», ha dichiarato l´assessore regionale dell´Agricoltura, con delega alla pesca e acquacoltura, Pier Luigi Caria
© 2000-2018 Mediatica sas