Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziealgheroAmbienteParchi › Allarme Wwf: pericolo Calich
Red 29 gennaio 2018
Il delegato Wwf per la Sardegna Carmelo Spada ha inviato una lettera alle istituzioni per segnalare un «presunto bloom algale, situazione di potenziale pericolo per l´incolumità delle persone e presenza di rifiuti nella laguna del Calich (Alghero)»
Allarme Wwf: pericolo Calich


ALGHERO - “Segnalazione di presunto bloom algale, situazioni di potenziale pericolo per l’incolumità delle persone e presenza di rifiuti nella laguna del Calich (Alghero)". Questo l'oggetto della lettera che il delegato Wwf per la Sardegna Carmelo Spada ha inviato al sindaco di Alghero Mario Bruno, all'assessore comunale dell'Ambiente Raniero Selva al dirigente Tutela e governo del territorio Giovanni Spanedda ed al direttore del Parco regionale di Porto Conte Mariano Mariani.

La missiva è corredata con alcune foto, che testimoniano la situazione. Analizzata la situazione, «il Wwf chiede alle istituzioni in indirizzo, ognuna per le specifiche competenze, che vengano effettuate verifiche e accertamenti. Specificamente si chiede di verificare se la situazione descritta rappresenti una nuova condizione di sofferenza della laguna con la manifestazione di bloom algale; che vengano bonificate le situazione inerenti l’abbandono illecito di rifiuti speciali come i pneumatici e soprattutto che venga messo in sicurezza il pozzo il cui stato di copertura è descritto nella fotografica allegata».

Spada ricorda come già lo scorso inverno, nella laguna si osservò «un preoccupante fenomeno di proliferazione di alghe che trasformò alcune porzioni poco profonde della zona umida in un tappeto verde, situazione scaturita presumibilmente dall’aumento della temperatura combinata alla presenza di concentrazioni significative di sostanze organiche». Situazione che pare riproporsi in questo momento. In più, ci pensa l'uomo a fare danni. Infatti, «lungo la pineta che costeggia il Viale Burruni, nel tratto tra i capanni di osservazione installati dall’ente parco negli anni scorsi e i confini del campeggio, si è individuato un pozzo al cui interno si scorgono diversi pneumatici. Tale pozzo potrebbe rappresentare un potenziale pericolo per l’incolumità pubblica in considerazione del fatto che la sua imboccatura è coperta in maniera approssimativa da una transenna».
Commenti
© 2000-2018 Mediatica sas