Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotiziesassariCronacaSanità › Influenzasuina: morto 61enne a Sassari
Red 2 febbraio 2018
In collaborazione con l´Ospedale di Lanusei, era stato trasportato a Sassari il 12 gennaio dall´equipe sassarese nella Rianimazione del Santissima Annunziata. Altre due pazienti ricoverate a Sassari, centro di riferimento regionale per l’insufficienza respiratoria acuta, migliorano ed adesso non sono più sotto trattamento Ecmo
Influenzasuina: morto 61enne a Sassari


SASSARI – È deceduto oggi (venerdì), nel reparto di Rianimazione del Santissima Annunziata di Sassari il paziente che, il 12 gennaio, era stato ricoverato nell'ospedale sassarese per una gravissima forma di polmonite da influenza H1n1. Il paziente, proveniente da Lanusei, in stretta collaborazione con il reparto dell'Anestesia e rianimazione dell'ospedale Nostra Signora della Mercede, era stato trasportato a Sassari dall'equipe della Rianimazione dell'Aou di Viale San Pietro grazie alla “missione” Ecmo mobile. Il paziente, fanno sapere i medici, è deceduto per le complicanze dell'infezione contratta. Il paziente, dal momento del suo arrivo, è rimasto sempre sotto assistenza del macchinario Ecmo, cioè sotto ossigenazione extracorporea del sangue. I medici sassaresi del centro Ecmo, in queste settimane, hanno fatto il possibile per salvare la vita del 50enne paziente.

La Direzione dell'Azienda ed il personale medico esprimono ai parenti il loro cordoglio per la scomparsa del paziente. La “missione Ecmo mobile”, realizzata dall'equipe dell'Aou di Sassari, era durata circa nove ore ed è stata la prima ad essere effettuata in Sardegna all'esterno di un ospedale dove di solito viene applicata questo tipo di tecnica. Ad essa, sono seguite altre tre missioni portare a termine con successo dall’equipe dell’Ecmo mobile con la successiva cura dei pazienti nel Centro di Sassari. L'Ecmo (Extracorporeal membrane oxygenation), cioè l'ossigenazione extracorporea a membrana, è una tecnica di ossigenazione artificiale utilizzata in terapia intensiva per trattare pazienti con insufficienza respiratoria acuta grave potenzialmente reversibile, ma refrattaria al trattamento convenzionale con il respiratore meccanico.

Le Rianimazioni dell'Aou di Sassari sono centro di riferimento regionale per l’insufficienza respiratoria acuta, Cres, e sono inserite nella rete nazionale “Respira”, specializzata nel trattamento delle insufficienze respiratorie acute severe. E proprio a Sassari erano state trasferite altre due pazienti con gravi problemi respiratori sottoposte ad Ecmo: una paziente trasferita da Olbia ed una da Cagliari, entrambe con missione ecmo mobile. Con il miglioramento della patologia esordita con la sindrome influenzale e grazie al tempestivo intervento e le cure dei sanitari non hanno più avuto bisogno dell'assistenza attraverso il macchinario per l'ossigenazione extracorporea del sangue. Una di esse, già domani, sabato 3 febbraio, potrebbe lasciare anche la Rianimazione.
20/11/2018
Tanti visitatori che sabato hanno animato la struttura sassarese di Viale San Pietro che, quest´anno, ha realizzato tre iniziative incentrate sulla famiglia
20/11/2018
«Si tenga conto anche dei lavoratori in esubero delle cliniche private», dichiara il vicepresidente della Commissione regionale Salute, intervenendo sulla carenza di personale nei reparti di Neonatologia e Ginecologia
19/11/2018
Un´iniziativa che va nella direzione dell´umanizzazione delle cure. A gennaio, sono in programma i lavori di ristrutturazione al day hospital del Santissima Annunziata di Sassari
© 2000-2018 Mediatica sas