Alguer.it
Notizie    Video   
NOTIZIE
Alguer.it su YouTube Alguer.it su Facebook Alguer.it su Twitter
Alguer.itnotizieolbiaCronacaCronaca › Azienda agricola diventa residence abusivo di lusso
Red 7 febbraio 2018
I finanzieri del Comando provinciale di Sassari hanno sequestrato un’azienda agricola che era stata trasformata abusivamente in multi-residenza di lusso a San Pantaleo da affittare a facoltosi turisti nel periodo estivo
Azienda agricola diventa residence abusivo di lusso


OLBIA - I finanzieri del Comando provinciale di Sassari, al termine di un’articolata e delicata attività d’indagine, hanno sequestrato un’azienda agricola che era stata trasformata abusivamente in multi-residenza di lusso da affittare a facoltosi turisti nel periodo estivo. L’attività è iniziata con un controllo fiscale di routine nei confronti dell’azienda agricola di un imprenditore italiano residente all’estero. Nel corso delle operazioni di controllo, i militari della Guardia di finanza sono stati insospettiti dalla presenza di alcuni documenti comprovanti la locazione di camere per uso turistico. I militari, con il personale dell’Ufficio Vigilanza edilizia del Comune di Olbia, hanno eseguito, su delega della Procura della Repubblica del Tribunale di Tempio Pausania, un’ispezione della tenuta, nella frazione olbiese di San Pantaleo.

L’attività di polizia giudiziaria condotta dai finanzieri del Gruppo di Olbia, consentiva di riscontrare tutte le ipotesi investigative avanzate in quanto, nel corso dell’ispezione, venivano l’abusiva trasformazione dei fabbricati rurali (fienili, granai e magazzini), in lussuose residenze, in spregio dei vincoli imposti dal Piano paesaggistico. Quella che sembrava essere una normalissima azienda agricola per l’allevamento di cavalli, era stata, di fatto, trasformata in un vero e proprio residence, con affitti che arrivavano toccare anche i 15mila euro per una settimana e pubblicizzata su siti specializzati internazionali. La tenuta era costituita da una casa colonica con tre camere matrimoniali, bagni e suite, soggiorno, sala da pranzo, cucina e terrazzo; un granaio convertito in struttura ricettiva, composto da due ali che comprendono ognuna due camere matrimoniali con bagno interno, soggiorno, cucina e zona pranzo e terrazza coperta. Due zone studio al piano superiore ognuna con servizio privato e cucina indipendente, zona fitness e palestra con vista sulla piscina biologica ed il giardino; una dependance per gli ospiti composta da camera matrimoniale con servizio privato, Spa e soggiorno. Inoltre, i tecnici comunali, hanno rilevato che, nella villa padronale, ci sono lavori al grezzo relativi ad un locale parzialmente interrato che, da informazioni assunte, sarebbe destinato alla realizzazione di altri due appartamenti muniti di servizi.

Il proprietario della tenuta, un italiano residente in Svizzera, è stato segnalato per i reati previsti e puniti dal Testo unico in materia di edilizia nonché dal Codice dei beni culturali e del paesaggio. I militari hanno proceduto al sequestro di un’area costituita da tre fabbricati rurali all’interno dei quali sono state ricavate camere, servizi e sale, tutte arredate con mobili di pregio; di un’area costituita da una villa padronale articolata su quattro caseggiati; due piscine. Infine, è emerso che la struttura ricettiva, oltre ad essere stata realizzata in difformità alle autorizzazioni edilizie, non era autorizzata in alcun modo a svolgere l’attività commerciale di affittacamere professionale in quanto non in possesso di un regolare titolo amministrativo rilasciato dall'Ufficio per le Attività produttive del Comune di Olbia. Pertanto, i militari hanno proceduto alla notifica dell’ordinanza del Comune di immediata cessazione dell’attività ricettiva extralberghiera esercitata.
18:45
Avrebbe puntato le coste spagnole senza riuscire ad arrivarci. Mercoledì scorso l'algherese aveva acceso i motori di un motoscafo da dodici metri e da allora aveva fatto perdere le sue tracce. Si attende la conferma dalle autorità sulle dinamiche dell´avventura
17/9/2018
A distanza ormai di sei giorni dall´allarme, si teme il peggio anche per l’autore del furto. Nonostante le ricerche effettuate via mare e con l’ausilio dei mezzi aerei, del “Razim”, il Gobbi 38 Sport con tre motori entrobordo non c’è più traccia
18:28
Nell’ambito dell’azione a tutela delle entrate ed a contrasto dell’evasione fiscale, le Fiamme gialle del Comando provinciale di Cagliari hanno concluso due interventi ispettivi nei confronti di altrettanti realtà commerciali del capoluogo, operanti una nel settore dei trasporti, l’altra nel settore del commercio all’ingrosso di abbigliamento
14:11
Due operazioni di ricerca e soccorso sono state portate a termine durante la notte dalla Guardia Costiera di Porto Torres, che ha tratto in salvo in totale 6 diportisti di nazionalità italiana
17/9/2018
I Carabinieri della locale Stazione, al termine delle indagini, hanno deferito in stato di libertà all’Autorità giudiziaria competente un 60enne della provincia di Pescara
17/9/2018
Nell’ambito dei controlli svolti presso il porto di Isola Bianca, i Baschi verdi della Guardia di finanza del locale Gruppo hanno controllato un furgone con targa straniera che si accingeva a lasciare lo scalo portuale dopo essere sbarcato da una motonave proveniente da Livorno. Segnalato un romeno
17/9/2018
I Carabinieri della Compagnia di Siniscola, dopo numerosi controlli lungo le arterie principali del territorio della Baronia, finalizzati a scongiurare le condotte di guida distratte, hanno fermato circa 120 autovetture e controllato 260 persone
© 2000-2018 Mediatica sas